Tiscali.it
SEGUICI

"60 anni di attività e Sanremo non ci invita, mancanza di rispetto": la polemica travolge i Nomadi

Nati nel 1963, sono sempre stati unici e a parte rispetto alla scena beat. Poeti e guerrieri fedeli a se stessi. Lo sfogo di Sacco, la risposta di Carletti

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Da sinistra: Danilo Sacco, ex voce dei Nomadi, Beppe Carletti e Augusto Daolio, e Amaedus (montaggio da Facebook e Ansa)
Da sinistra: Danilo Sacco, ex voce dei Nomadi, Beppe Carletti e Augusto Daolio, e Amaedus (montaggio da Facebook e Ansa)

C'è stata un'epoca nella canzone italiana in cui il beat dei capelloni e degli urlatori rivoluzionò la società, i costumi e il modo di ascoltare musica. E in quell'epoca i Nomadi erano già al centro dell'attenzione generale, in un Paese di figli contro i padri e contro l'invadenza della Chiesa. Anno di grazia 1963, nasceva il gruppo che avrebbe usato la musica dei Beatles e quella proveniente dai garage inglesi e dalle produzioni americane per dire cose. Dirle subito, parlare al cuore dei ragazzi dai capelli lunghi e le barbe ribelli, e alle ragazze che scoprivano le gambe, stufi dell'Italia retrograda, delle Nilla Pizzi e dei Claudio Villa. Sono perciò 60 anni esatti di attività dei Nomadi, fra palchi e dischi, ma Sanremo pare essersi dimenticato di loro e l'ex voce del gruppo che fu di Augusto Daolio, Danilo Sacco, non la manda a dire ad Amadeus. Spaccando lo stesso gruppo.

Botta e risposta nella band

Danilo Sacco è stato la voce dei Nomadi fino al 2011, a lui l'impegnativo compito di non far rimpiangere la voce e il carisma di Augusto Daolio. Di fronte all'anniversario della band, e probabilmente al fatto che I Cugini di Campagna ci saranno, dopo la polemica anche esagerata sui Maneskin loro clone, il cantante non si è tenuto e su Facebook ha scritto: "Non invitare i Nomadi per i loro sessant'anni dopo tutto quello che hanno costruito e dopo tutti i sogni che hanno fatto sognare per tre generazioni è una grande mancanza di rispetto per gente che è cresciuta a pane e ferro per i palchi di mezzo mondo e non ha mai usato l'autotune. Mi sarei aspettato un invito per i Nomadi, in virtù di 60 anni di storia, musica, lotta, rabbia e dolcezza. Loro non lo dicono per correttezza e classe, ma dato che posso, ripeto, lo dico io che di classe ormai ho smesso di ammantarmi". Sacco è stato sul palco di Sanremo tre volte e ricorda pure questo. Queste parole hanno però provocato la risposta del leader e fondatore del gruppo emiliano, Beppe Carletti, che ha definito "sfogo prematuro" la tirata di Sacco. Dando ad intendere che la questione non è chiusa e che non c'è una posizione netta di Amadeus su questo tema.

Chi aspetta il tributo a una band unica

L'eccesso di zelo di Sacco può aver infastidito Carletti, ma è un fatto che portare i 60 anni di carriera dei Nomadi sarebbe un gran colpo per Sanremo e un grande riconoscimento. Lo abbiamo in parte già scritto. Nel periodo in cui L'Equipe 84 cantava di sentimenti, Tony Dallara urlava al suo amore sognato e I ribelli di Demetrio Stratos alzavano i Pugni chiusi, fra le urla psicotiche dei Blackmen in Urlo negro, i Nomadi erano già cosa a parte. Furono i Nomadi a dare La canzone del bambino nel vento a Maurizio Vandelli, poi diventata Auschwitz. Furono loro a cantare della perdita del sacro da sacrestia e del suo ritrovamento nelle battaglie sociali e di strada in Dio è morto. Ancora Augusto, con la sua voce calda e incrinata di rabbia e compassione, a parlare dell'importanza della memoria in Il vecchio e il bambino, a sfidare i benpensanti in Come potete giudicar. I Nomadi, poeti e combattenti che diedero la colonna sonora di un'epoca in cui l'Italia si sentiva orgogliosamente e rabbiosamente giovane con un album come Ma noi non ci saremo. Se a Sanremo non ci saranno basta tutto quello che è successo fin qui, e che succederà inoltre. Quando sei vagabondo vai avanti col tuo passo, che i signori dei salotti belli, anche quelli tv, si accorgano o meno di te. 

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Celine Dion riappare in pubblico: ovazione e lacrime sue e dei fans
Celine Dion riappare in pubblico: ovazione e lacrime sue e dei fans
Antonello Venditti: Cosa accadde nella mia 'Notte prima degli esami'. Poi fa una sorpresa ai maturandi
Antonello Venditti: Cosa accadde nella mia 'Notte prima degli esami'. Poi fa una sorpresa ai maturandi
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...