Tiscali.it
SEGUICI

Marco Mengoni: "Favorito a Sanremo? Penso solo a divertirmi. Sono in terapia da 7 anni"

Il cantante, già vincitore dieci anni fa con il brano 'L'essenziale', torna all'Ariston. Ma non sembra preoccuparsi troppo dei favori della vigilia

TiscaliNews   

Tutti lo danno per favorito, ma a lui interessa solo divertirsi. Sì, perché Marco Mengoni, vincitore dieci anni fa con il brano "L'Essenziale" sente già tanta pressione addosso e non è facile gestirla. Scongiuri a parte, il cantante di Ronciglione, che porterà all'Ariston il brano "Due vite" non sembra preoccuparsi troppo dei favori della vigilia che di solito non portano mai troppo bene. "Io penso di andare e divertirmi. Non vorrei sentire la pressione della competizione, né il peso di arrivare già con la corona in testa. Ci sarà un primo, un secondo, un terzo, ma solo perché è il format che lo prevede. Siamo lì per fare uno spettacolo e ognuno fa il suo. La statuetta è bella, ma è la cosa che ti porta a crescer meno di questa esperienza". Già lo scorso anno, il cantante era tornato sul palco dell’Ariston, ma non gareggiava. "Andarci come ospite è stato bellissimo, ma ti senti di passaggio. Non nego che mi era venuto il desiderio di tornarci come cantante in gara", spiega. Quest’anno ha deciso.

In analisi da 7 anni. "Sono alla ricerca di risposte"

Di acqua sotto i ponti da dieci anni fa ne è passata tanta e Marco Mengoni non è più la stessa persona. Rispetto a dieci anni fa si dice cresciuto. "Sono un po' più uomo, più maturo - racconta Mengoni -. E spero di essere più consapevole, di saper gestire la mia emotività: non di tarparle le ali, ma di gestire le emozioni che arriveranno, senza porre limiti alla mia anima. Vorrei vivere il festival facendo quello che credo di sapere fare. Come se fosse un mio concerto. Questi sono i buoni propositi, poi magari si azzera la salivazione e mi metto a piangere sul palco: a Sanremo può succedere di tutto". Emotivo, decisamente, Marco Mengoni non teme di ammettere i suoi limiti e le sue insicurezze. "Sono 7 anni che vado dalla psicologa. La terapia muove alcune cose affinché tu possa trovare delle risposte. E io sono sempre alla ricerca di risposte", racconta il cantante definendosi uno che pensa troppo "ma anche un bacchettone". 

Il brano di Sanremo racconta molto di sé

"Due vite" non è semplicemente un bel brano. C'è molto di più. "È la mia storia infinita del rapporto tra ragione e inconscio, racconta. Un racconto onirico, ricco di immagini che si mischia a scene e dettagli molto realistici, autobiografici". Il testo è stato scritto dallo stesso Mengoni assieme a Davide Petrella e Davide Simonetta e si ispira, fa sapere l’artista, alla musica di Lucio Dalla

2012: l'anno dei dubbi. Pensai anche di tornare a studiare

Quella di dieci anni fa non è stata la prima volta a Sanremo. E' vero che nel 2013 vinse con L'essenziale, ma dopo aver già partecipato nel 2010 con il brano Credimi ancora. Certamente la svolta per la sua carriera arriva invece nel 2012: l'anno dei dubbi. "Fu un periodo molto strano. Stavano succedendo tante cose – rivela Mengoni – nella mia vita. Stavo sperimentando e cercando di capire se continuare o meno il mio percorso professionale nel settore della musica". Mengoni aveva anche pensato di tornare a studiare, all'Università, poi con la vittoria a Sanremo cambiò tutto. "Fu uno schiaffo in faccia che mi disse "Puoi farcela". Una vittoria che gli ha ridato slancio, ma anche fatto capire il valore di qualcuno. "Prima della vincita poche persone credevano in me. Dopo si sono riavvicinati in molti. Ma – commenta con ironia – sono tutti segnati". A buon intenditor...

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Celine Dion riappare in pubblico: ovazione e lacrime sue e dei fans
Celine Dion riappare in pubblico: ovazione e lacrime sue e dei fans
Antonello Venditti: Cosa accadde nella mia 'Notte prima degli esami'. Poi fa una sorpresa ai maturandi
Antonello Venditti: Cosa accadde nella mia 'Notte prima degli esami'. Poi fa una sorpresa ai maturandi
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...