Tiscali.it
SEGUICI

Battisti, 25 anni della scomparsa e nuova guerra fra eredi e discografici: in ballo 8,5 milioni

La vedova e il figlio del grande cantautore vincono in Cassazione contro la Sony che li accusava di bloccare l'uso del repertorio. Ma non finisce qui

TiscaliNews   
Grazia Letizia Veronese oggi e ai tempi del matrimonio con Battisti (Ansa)
Grazia Letizia Veronese oggi e ai tempi del matrimonio con Battisti (Ansa)

Prendila così, avrebbe cantato Lucio Battisti di cui il 9 settembre corre il 25mo anniversario della scomparsa. Non resta molto altro da dire su una guerra legale che alterna gli eredi e in particolare la vedova del cantautore contro Mogol, e gli eredi tutti contro le case discografiche che hanno gestito i diritti sulla musica di Battisti. L'ultimo atto riguarda il braccio di ferro che ha opposto Grazia Letizia Veronese e Luca Battisti alla Sony Music. Che chiedeva un risarcimento di 8,5 milioni di euro. Calcolati sul presunto mancato realizzo di ricavi derivanti dall'uso delle opere di Lucio Battisti per diffusione sulle piattaforme di streaming online (Spotify e simili) e per la sincronizzazione con spot e promozioni pubblicitari. E per gli eredi è una doppia vittoria. 

La parola della Cassazione

La Corte d'appello di Milano ha confermato la sentenza di primo grado, rigettando l'appello e condannando la Sony Music al pagamento delle spese processuali. La major discografica ha preannunciato che proporrà ricorso in Cassazione. Gli eredi di Lucio Battisti fanno sapere che attenderanno con serenità anche questa decisione per rispondere a loro volta. Finisce un altro round, non la guerra fra tutti coloro che a vario titolo hanno avuto a che fare con la musica di Battisti.

L'origine di un odio antico

Tempo fa, in occasione della presentazione del suo libro Il mio mestiere è vivere la vita, Giulio Mogol aveva raccontato le ragioni della clamorosa rottura fra lui e Battisti, che fondarono la società di edizioni Acqua Azzurra e l'etichetta discografica Numero Uno nel 1969. Poco prima di rompere per sempre. Questa la versione del grande paroliere: "Allora c'era questa formula per cui il musicista prendeva l'8% e il paroliere il 4%, la Siae voleva così. Battisti quando ha iniziato era un dilettante, eppure io non ho mai voluto fargli firmare nessun documento sotterraneo. Sempre il 4% a me l'8% a lui. Quando abbiamo venduto i diritti dei brani alla Numero Uno ho detto che avrei scritto alla pari: 6% a lui e 6% a me, altrimenti non avrei più scritto. Da allora Lucio ha cominciato lavorare con altri".

I principi contano più del denaro

Una rottura dovuta a questioni di soldi, dunque, niente di nuovo. Ma Mogol non la descrive così: "Non sono attaccato al denaro, neanche so quanto ho in banca, devo sempre chiedere a mia moglie, è una questione di principio. Ai principi sono attaccato fino alla morte". Una parte di quei principi fino a poco tempo fa valeva comunque 14 milioni di euro. Prima della infinita serie di battaglie legali fra Mogol e la Veronese e fra gli eredi di Battisti e i discografici ancora in corso. 

Mogol: "Perché con Lucio Battisti finì così male". La storia

 

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Paolo Fresu e la sua tromba in Berchidda Live
Paolo Fresu e la sua tromba in Berchidda Live
Gelo tra Riccardo Fogli e Roby Facchinetti: Patty Pravo e la verità sull'addio ai Pooh
Gelo tra Riccardo Fogli e Roby Facchinetti: Patty Pravo e la verità sull'addio ai Pooh
Raiz, il ricordo commosso della moglie poi l'appello: Il femminicida più cruento e senza pietà è lì fuori
Raiz, il ricordo commosso della moglie poi l'appello: Il femminicida più cruento e senza pietà è lì fuori

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...