[L'intervista] LP: "Vi spiego cosa mi ha insegnato Bowie prima di morire. Lo porto nella mia musica"

Il grande successo di Lost On You, i brani firmati per Rihanna e Aguilera, il nuovo album Heart To Mouth. E il parere sulla rivoluzione "gender" e la battaglia del #metoo della cantante attivista LGBT

LP
LP
di Cristiano Sanna   -   Facebook: Cr.S. su Fb   Twitter: @Crikkosan

Giusto per intendersi da subito anche con quelli che non stanno appresso a tutte le novità discografiche e che la radio la ascoltano in zapping furioso mentre stanno in mezzo al traffico: lei è quella di Lost On You, Other People, Muddy Waters. La stessa della cover di Halo di Beyoncé che solo su Youtube ha fatto oltre 36 milioni di visualizzazioni. Già disco di platino in diversi Paesi, con oltre 280 milioni di video visualizzati in tutto il mondo, Laura Pergolizzi alias LP è tornata con il nuovo album Heart To Mouth. Preludio al nuovo tour che farà tappa anche in Italia il prossimo 15 maggio al Fabrique di Milano. Eclettica, magnetica, LP è tra le artiste di maggior carisma salite alla ribalta negli ultimi anni. Americana di origine italiana, ha cominciato come autrice (per Rihanna e Christina Aguilera) per poi diventare uno dei più importanti nomi nuovi sulla scena. Di questo e molto altro abbiamo parlato nell'intervista che segue. 

Quanto ti ha cambiata il successo?
"Da un certo punto di vista mi ha cambiata, da un altro no. Voglio dire: mi ha ricordato coss'è importante nella vita, ora più che mai. Certo sono felice di quanto lontano mi abbia portata la musica, ma ora sento la responsabilità, anche verso il pubblico, di fare semplicemente il mio lavoro. Voglio essere un'autrice e una musicista migliore. Ecco: il successo mi dà la volontà di migliorare".

Ci dici qualcosa dei tuoi eroi musicali, le fonti di ispirazione?
"Di certo David Bowie e Leonard Cohen. David ha lasciato questo pianeta firmando uno dei migliori lavori artistici di tutta la sua carriera. E così Leonard. Questo mi spinge a battermi per produrre la mia musica migliore in questa mia vita".

Tre album che stai ascoltando ora?
"Blood On The Tracks di Bob Dylan, Peace and Information di Jenny O. e Good Cry di Noah Cyrus". 

 

Avverti le tue radici italiane? Intendo, nelle cose che mangi, negli spettacoli di teatro, cinema, arte, nella musica che scegli?
"Naturalmente. Quanto torno in Italia mi sento istantaneamente a casa, è come trovare parenti che non vedo da un po'. E' un bellissimo posto. Amo il cibo, il vino, tutta la cultura e mi porto appresso queste cose".

Quando i prossimi concerti?
"Il mio tour internazionale parte il 25 gennaio dal Nord America, poi andrò direttamente in Russia. Arriverò in Europa subito dopo, le date esatte verranno annunciate fra breve. Il lancio dell'album Heart to Mouth mi tiene molto impegnata, ma nel tempo libero sto sempre scrivendo nuovo materiale".

A che punto siamo con la cosiddetta rivoluzione gender fluid, a proposito di identità sessuale (LP è vegetariana e militante LGBT e fa coppia con la modella e cantante Lauren Ruth Ward, ndr)?
"Il punto è che tutti abbiamo un modo di sentirci a nostro agio con noi stessi e non è bello vivere in un mondo che ti fa sentire come se non esistessi, come se nessuno volesse riconoscerti. Chi non ha mai provato questo genere di discriminazione faticherà a capire ma è diritto di ogni essere umano essere parte di questo mondo, sentirsi parte della comunità. Dobbiamo aprire la nostra mente e far spazio per nuovi tipi di persone. E' importante. La tolleranza sarà d'aiuto a chi per esempio un domani dovesse avere un figlio che è differente per identità sessuale e comportamento rispetto al modo di pensare tradizionale, che impone un modo di comportarsi binario: o sei così o sparisci".

E sul #metoo?
"E' importante perché la gente venga ascoltata. Ci stiamo ancora adattando ad un modo di vita più civile in cui tutti siano pienamente responsabili delle loro azioni. Spero e credo che stiamo continuando ad evolverci rispetto agli istinti selvaggi che ci portano ad ammazzarci a vicenda, sai, proprio per poter continuare a vivere senza avere sempre paura. Quindi chi parla va ascoltato. E tutti dobbiamo metterci in discussione per poter far diventare questa società più civile. Parlo di maggiore riguardo, rispetto e gentilezza". 

Lp e uno dei suoi eroi artistici di sempre: David Bowie