[L'intervista] Godano: "Così ci hanno convinti che abbiamo tutti ragione. Mentre ci scontriamo fra di noi"

fondatore dei Marlene Kuntz, con "Mi ero perso il cuore" si presenta come solista. E riflette sulla continua messa in scena delle nostre vite

Ma-Ma-Marlene è la migliore! urlavano i kids nei loro vent'anni ai metà anni Novanta. Cristiano Godano era voce, corpo, testi e parte del muro sonico dei Marlene Kuntz, la band che ha contribuito a far segnare la rivincita della musica e della discografia indie capace di conquistare poi le major e un pubblico molto più allargato. Oggi Godano è impegnato sia con i Marlene Kuntz che come solista. Ha pubblicato l'album Mi ero perso il cuore (col primo singolo Ho bisogno di te) e continua la sua attività di opinionista su Rolling Stone e di formatore alla Cattolica di Milano. Dove si è perso il cuore? Forse nella moltitudine di segnali che rimbalzano da Internet e social, con la gente chiusa dagli algoritmi in bolle autoreferenziali, a darsi ragione da sole. A chi fa comodo un mondo così? Come può raccontarlo l'arte e la musica? La videointervista