Fedez: "Il tumore era quello di Steve Jobs. Ecco perché io mi sono salvato"

Il rapper, reduce da un periodo difficile dopo l'intervento chirurgico, rivela particolari inediti sulla malattia che lo ha colpito

TiscaliNews

La pace con J-Ax è solo la ciliegina sulla torta nel percorso di rinascita che Fedez ha intrapreso dopo il delicato intervento con cui gli è stato rimosso un tumore al pancreas. Un percorso fatto di nuove consapevolezze e priorità dove la famiglia ma anche la musica (con le dovute cautele) occupano un posto di primissimo piano. "Le mie condizioni non mi consentono di affrontare un tour, mi sto preparando per Love MI. Ci saranno anche i miei chirurghi - ha scherzato -, se ci sarà bisogno di operarmi in diretta", scherza Fedez in occasione della presentazione del festival omaggio alla vita 'Love-MI', che si terrà in piazza Duomo a Milano il 28 giugno. 

"Il tumore era quello di Steve Jobs"

Un impegno importante quello di Fedez, che arriva appunto dopo un periodo buio, superato grazie anche ad una buona dose di fortuna."Mi ritengo parecchio fortunato - ha detto Fedez - È arrivato l'esame istologico. Il tumore era molto raro, è quello di Steve Jobs, la fortuna è che non ha una classificazione in cancerogeno benigno ma in G1, G2 e G3. Il mio era G1, il che vuol dire 'tanto culo'...". "Non ha preso i linfonodi e non avevo micro metastasi, per cui non ho dovuto fare chemioterapia. Al 90% posso dire che va tutto bene. È come se vedessi il mondo a colori". "È stata un'operazione importante - ha aggiunto - sono stati rimossi duodeno, cistifellea, pancreas e un pezzo di intestino ma sto facendo attività fisica e mi ritengo molto molto fortunato".

"Love Mi è una buona ripartenza"

Fedez ammette che ora non è certo in grado di affrontare un tour ma Love MI è una buona ripartenza anche perché alla Fondazione TOG manca un milione di euro per completare la costruzione del centro e "io - ha detto Fedez - ho intenzione di darmi da fare fino alla sua realizzazione". Un battuta, infine per ringraziare il suo staff che ha lavorato in modo gratuito: "Grazie a loro, quasi tutte donne, alcune delle quali hanno partorito in questi mesi di lavoro" . Un riferimento, senza citarla, all'imprenditrice Elisabetta Franchi che di recente aveva detto, poi correggendosi, di non assumere donne giovani perché possono avere figli e quindi non potrebbero essere al lavoro "H24".