"Bella e sa stare un passo indietro", Amadeus nella bufera per frase sessista. "Io, frainteso". Ma scoppia una nuova polemica

Mentre il direttore artistico cerca di spegnere l'incendio per le frasi su Francesca Sofia Novello, ecco che arriva la nuova tegola. Stavolta è la Gregoraci a denunciare di essere stata fatta fuori dall'Altro Festival "con forzza e prepotenza da Nicola Savino"

Uno, due, tre, quattro e cinque. Le polemiche, a dir poco infuocate con i consueti strascichi politici, si susseguono a ritmo forsennato. Mancano ancora tre settimane al Festival, ma l'Italia è già precipitata in quella specie di malattia collettiva che si diffonde puntuale ogni anno e che potrebbe chiamarsi la "sanremite": basta uno starnuto in Liguria per far scoppiare il febbrone in tutta la penisola. Un'esagerazione? Date un'occhiata ai social e ai trend topic e poi ne riparliamo. Così Amadeus non fa in tempo a rintuzzare le polemiche (con tanto di scuse) per aver anticipato a un solo quotidiano i nomi dei Big in gara, "bruciando" il resto della stampa (qui il resoconto), e per aver convocato Rula Jebreal troppo di sinistra e Rita Pavone troppo di destra, ed ecco che finisce dritto in una bufera ben peggiore: l'accusa di sessismo.

Durante la conferenza stampa di presentazione del Festival, infatti, il conduttore si è prodigato nel sottolineare la bellezza delle dieci donne che condivideranno con lui il palco dell'Ariston ed è scivolato in alcune frasi infelici, in particolar modo nei confronti di Francesca Sofia Novello, giovane modella fidanzata con il campione di Moto GP Valentino Rossi. Ecco,  che cosa ha detto Amadeus: "L'ho scelta per la bellezza, ma anche per la capacità di stare accanto a un grande uomo, stando un passo indietro". Affermazioni che hanno incendiato i social ma anche gli account di diversi politici, con il moltiplicarsi di accuse di superficialità e di sessismo. E che hanno visto costretto Amadeus a rilasciare una dichiarazione all'Ansa per spiegare di essere stato frainteso. Finito? Neanche per sogno. Mentre il pompiere Amadeus cerca di spegnere l'incendio, ecco una nuova falla nel Carrozzone.

La nuova tegola arriva da Elisabetta Gregoraci

Stavolta la benzina sul fuoco arriva dal mondo patinato di Instagram dove però un'Elisabetta Gregoraci a dir poco delusa e inferocita si sfoga contro Nicola Savino per essere stata fatta fuori dall'Altro Festival, come quest'anno è stato ribatezzato il DopoFestival. E se la cosa in sè potrebbe sembrare solo l'ennesima tegola sul Sanremo numero 70 è la motivazione addotta dalla showgirl a far indignare la metà "sovranista" d'Italia. Già, perché secondo quanto scrive l'ex moglie di Briatore sarebbe stata fatta fuori "per le presunte posizioni politiche di destra del mio ex marito". E riecco i like, i cuoricini, gli attestati di solidarietà ma anche i commenti inviperiti. Insomma, non c'è pace per il Festival.

La rabbia di Elisabetta Gregoraci

Ma torniamo al pompiere Amadeus. Ecco le sue parole per uscire dall'impasse sessista: "Mi dispiace che sia stata interpretata malevolmente la mia frase, sono stato frainteso. Quando, presentando Francesca Sofia Novello, ho usato l'espressione  "del suo saper stare un passo indietro" mi riferivo alla scelta di Francesca di stare fuori dai riflettori che inevitabilmente sono puntati su un campione come Valentino". 

Prima lezione: A Sanremo bisogna stare attenti a ogni parola

"Un'altra ragazza avrebbe forse potuto 'cavalcare' tanta popolarità e invece Francesca ha scelto di essere più discreta, di rimanere più defilata", aggiunge Amadeus. "Tra l'altro Francesca stessa mi ha ringraziato, dicendomi che è proprio così: 'Ama, sembra che tu mi conosca da anni'. Anche lei è rimasta stupita della polemica". Peraltro, sottolinea, "avrei detto lo stesso anche del compagno di una donna famosa". Ma Sanremo "è anche questo: ho imparato che bisogna stare attenti a ogni parola". Il direttore artistico rivendica "sensibilità e rispetto per le donne come possono testimoniare mia moglie, mia madre e mia figlia".

Amadeus: "Ma il mio non è un ritorno alle "vallette"

In generale, aggiunge, "ho sempre avuto grande attenzione per i temi femminili: non a caso ho voluto sul palco tante donne diverse, con storie, ruoli, mestieri, esperienze differenti".Nessun ritorno alle 'vallette', ruolo che il festival ha archiviato da anni: "Ognuna di loro porterà sul palco la sua sensibilità, ci saranno momenti di svago, di divertimento, di musica, di leggerezza, ma anche spunti di riflessione sui temi sociali". Su tutti, la violenza sulle donne, che sul palco non coinvolgerà soltanto, come annunciato, Rula Jebreal: "Ci sarà spazio anche per testimonianze di persone comuni: ho invitato Gessica Notaro (la showgirl riminese sfregiata dall'acido nel 2017 dall'ex fidanzato Edson Tavares) e ci sono buone probabilità che venga".

L'affondo della Cirinnà

"Abbiamo assistito a uno spettacolo indecente. È già altamente discutibile che, nel 2020, la conduzione del Festival di Sanremo continui a prevedere la formula del presentatore uomo attorniato da giovani donne con il ruolo esclusivo di "vallette": che tutto questo venga accompagnato, in conferenza stampa, da osservazioni sessiste, è davvero inaccettabile". Lo afferma la senatrice del Pd Monica Cirinnà. "Una donna - prosegue - può essere definita e lodata, ancora, solo per la sua bellezza, o per l'uomo con cui condivide la vita, o peggio ancora per la sua remissività nel "fare un passo indietro" di fronte al successo del compagno? Il servizio pubblico ha il preciso dovere di garantire che il linguaggio pubblico - e la sostanza delle cose - siano rispettosi della parità di genere. Chiedo all'Ad della Rai Salini di tutelare le professioniste che ha ingaggiato, donne brave e preparate, con un valore autonomo e proprio. Salini, che non governa la Rai, governi almeno un conduttore - anche se di punta e ben rappresentato - prendendo le distanze da queste affermazioni così gravi. Mi piacerebbe sapere anche cosa ne pensa Lucio Presta che cura professionalmente gli interessi di Amadeus ".

Francesca Sofia Novello

Fatta fuori con prepotenza dal signor Nicola Savino

Ma veniamo alla Gregoraci. Ecco cosa scrive ai suoi followers: "A malincuore, vi informo che ho appena saputo “a cose fatte”, che non farò parte del cast de “L’Altro festival” così come annunciato dai media e come da accordo che mi aveva ufficializzato la Rai. Il motivo? Ve lo spiego: il signor Nicola Savino con cui avrei dovuto co-condurre il format, ha imposto la sua volontà ed ottenuto con forza e prepotenza, la mia esclusione, adducendo motivi inesistenti, pretestuosi e strumentali, tra i quali (affermazione pronunciata nel corso di una nostra conversazione telefonica privata e che mi ha molto ferito) la presunta appartenenza politica alla Destra del mio ex marito, in quanto all’interno del format avrebbe già incluso comici sostenitori di Sinistra".

Sono basita e profondamente scossa


Visibilmente ferita, la Gregoraci aggiunge: "Sono basita e profondamente scossa per quanto accaduto anche perché non ho avuto la possibilità di difendermi poiché è stato fatto tutto alla mie spalle e sono stata trattata come nessuno dovrebbe mai essere trattato, calpestando la mia dignità di donna e di professionista.
Ho riflettuto bene se fosse il caso o meno di rendere pubblica questa vicenda; ma alla fine ha prevalso il desiderio di verità perché è giusto che il pubblico che mi segue da anni sappia tutto e, soprattutto, perché in questo momento più che mai ho bisogno del vostro sostegno". E via ancora tra like, solidarietà e indignazioni varie. Parafrasando il grande Bogart verrebbe da dire, "È il Festival, bellezza".