Vaccini, J-Ax si scaglia contro Eric Clapton per le sue dichiarazioni sui vaccini

L'artista inglese nei giorni scorsi ha annunciato che non suonerà dove è richiesta la vaccinazione anti-covid. "Forse a qualcuno la "Cocaine" non è ancora scesa" ha ironizzato il rapper

TiscaliNews

J-Ax si scaglia contro Eric Claptoon. Ma la musica in questo caso non c'entra niente. La materia del contendere infatto riguarda il Green Pass per i concerti e la presa di posizione del leggendario chitarrista inglese che nei giorni scorsi ha annunciato che non suonerà dove è richiesta la vaccinazione anti-covid. "Una presa di posizione coraggiosa e inedita -ha ironizzato  il rapper italiano in un video ostato su Instagram. "Così quando andrete ad un concerto di Clapton non sarà solo di noia che potrete morire. A parte gli scherzi, trovo irresponsabile non solo il messaggio di un artista così influente, per fortuna influente solo per i boomer, ma anche tutto lo spazio che la stampa dà a stronzate simili".

"Ci sono decine di migliaia di lavoratori dello spettacolo fermi da un anno e mezzo. Persone che hanno figli, mutui e problemi che tutti abbiamo. Solo che i governi si sono dimenticati di loro, perché la musica e la cultura sono qualcosa che i politici hanno sempre abbandonato. Ora che possiamo finalmente riaprire in sicurezza dobbiamo sentire queste stronzate che ci riporterebbero a chiudere tutto per mesi. Forse a qualcuno la 'cocaine' - ironizza Ax citando la celebre canzone di Clapton - non è ancora scesa. Ma questi sono solo i miei due centesimo. Voi che ne pensate?", ha chiesto il musicista ai suoi follower che si sono sbizzarriti nei commenti sia a favore che contro.