Morta Aretha Franklin. La sublime Regina del Soul che ha urlato il rispetto e cantato l'amore

Codice da incorporare:
TiscaliNews

Aretha Franklin si è arresa. Da giorni si sapeva che la Queen of Soul era tra la vita e la morte, che la battaglia ingaggiata dal 2010, quando le fu diagnosticata una grave malattia, stava per concludersi con l’unico esito possibile. Aretha Franklin è morta in home hospice a Detroit all’età di 76 anni, circondata dall’affetto dei suoi cari e degli amici più stretti. Due giorni fa a trovarla si erano recati anche Stevie Wonder, il reverendo Jesse Jackson e l’ex marito Glynn Turman.

Nata a nata a Memphis il 25 marzo 1942, Aretha Franklin è un vero e proprio mito della musica. Icona riconosciuta della cultura nera e del gospel, soul e R&B, è sempre andata oltre le definizioni, rompendo schemi e imponendosi come un vero e proprio fenomeno della natura, soprattutto grazie alla sua voce miracolosa. La sua ultima esibizione è stata lo scorso novembre a New York al gala della fondazione di Elton John per la lotta all'Aids. Poi aveva annunciato il suo ritiro dalle scena musicale a causa dei suoi problemi di salute. “Non sono una persona alla quale piace parlare delle proprie cose e della propria salute” aveva detto la cantante in quell’occasione.“Ci sono molte persone che parlerebbero di qualsiasi cosa, purché qualcuno le ascolti. Ma io non sono una di quelle persone. Non devo parlare della mia salute con nessuno all’infuori dei miei medici”.

Il suo ultimo concerto, invece, nel giugno 2017. Nel 2009 Aretha ha cantato per l'insediamento di Barack Obama alla Casa Bianca e si è rifiutata, invece, di farlo quando è stata la volta di Donald Trump.

La Franklin è stata anche la prima donna a conquistare un posto nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1987 ed è stata inserita dalla rivista Rolling Stone tra i 100 artisti più importanti della storia della musica.

Da sola o in coppia con i più grandi artisti della musica mondiale, Aretha Franklin ha fatto cantare, ballare, ridere e commuovere tutti noi. La lista dei suoi successi è infinita. Qui ora è doveroso ricordare “Respect” e “Think” che cantò anche nel film di culto “The Blues Brothers”, "I Say a Little Prayer", "I Never Loved A Man (The Way I Love You)" e "Natural Woman".