Junior Cally, dallo scandalo all'ultimo posto: "La mia replica a Gessica Notaro"

"Da una parte c'è chi porta la maschera per fare spettacolo e dall'altra c'è chi la indossa a causa delle violenze" ha detto proprio qui a Sanremo la ragazza bruciata con l'acido dall'ex, rferendosi al rapper mascherato finito al centro delle polemiche. Ecco la sua autodifesa

Al momento è finito all'ultimo posto in classifica, ma Junior Cally, nome d'arte di Antonio Signore sembra davvero sollevato. Innanzitutto di esserci, visto che la sua partecipazione al Festival qualche settimana fa sembrava compromessa. E poi di aver rotto il ghiaccio cantando sul palco dell'Ariston anche se all'una e dieci del mattino. In questa videointervista spiega le sue ragioni, dopo la polemica che lo ha travolto per il testo della sua canzone "Strega" di qualche anno fa e le accuse di fomentare la violenza conro le donne. In particolare il rapper replica a Gessica Notaro che proprio qui a Sanremo aveva detto: "Da una parte c'è chi porta la maschera per fare spettacolo e dall'altra c'è chi la indossa a causa delle violenze". Ecco la sua risposta: "Sono dalla parte di Gessica e sono contro ogni forma di violenza, compresa quella contro le donne. Ma non ci si può fermare a quattro righe di una canzone. Bisogna saper distinguere tra fiction e realtà".

E poi racconta perché ha scelto "Vado al Massimo" di Vasco Rossi: "Non oso paragonarmi a lui, ma mi sento un outsider esattamente come lo era Vasco".