Standard al chiaro di luna ed elettronica a San Saturnino, grandi nomi e giovani talenti: Cagliari riparte dal jazz

Standard al chiaro di luna ed elettronica a San Saturnino, grandi nomi e giovani talenti: Cagliari riparte dal jazz
Da sinistra, il pianista Danilo Rea e il trombettista Fabrizio Bosso: due tra i protagonisti di "Forma e Poesia nel Jazz"

C’è il jazz, con alcuni nomi di primo piano del panorama nazionale ma anche con diverse giovanissime realtà. Ma ci sono anche l’hip hop, la grande musica italiana e l’elettronica rivisitata con uno strumento atipico come l’arpa elettrica e contaminata dalla world music e dal pop-rock . C’è la grande sala dell’Auditorium Pierluigi da Palestrina (aperto a 200 persone) ma c’è anche il gusto di portare la musica all’aperto, tra trekking urbani e passeggiate ecologiche al chiaro di luna, davanti al mare in uno dei luoghi simbolo di Cagliari come la Sella del diavolo e accanto alla basilica più antica di tutta la Sardegna, quella di San Saturnino. Insomma, “Forma e Poesia nel Jazz”, (di cui Tiscali è media partner), giunta alla 23° edizione, rilancia nonostante il covid e presenta un cartellone dal 23 al 27 settembre ricco di novità e suggestioni.

Ecco così che in pochi giorni si esibiranno il giovane talento della chitarra Matteo Mancuso, ma anche Fabrizio Bosso e Rosario Giuliani con il progetto "Connections" e il trio composto da Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino con l’omaggio alle ottanta candeline di Mina. Come sempre, ci sarà tanto spazio anche per il jazz targato Sardegna, con il quartetto del sassofonista Elias Lapia, il duo chitarra-clarinetto di Alessandro Bardi e Matteo Costa, quello chitarra-tromba di Rubens Massidda e Adriano Sarais, e con le voci di Carla Giulia Striano e di Marco Cocco con i rispettivi trii. In calendario anche una matinée in compagnia di Raoul Moretti e la sua arpa elettrica e due sortite "fuori porta" con l'abbinamento di passeggiate e musica.

"Perfettamente a distanza: potrebbe essere il titolo del festival quest'anno", spiega il direttore artistico Nicola Spiga. "Oppure Tra Spazio e Tempo, dove Tempo è quello che è rimasto sospeso in tutti questi mesi di fermo a causa della pandemia che ha bloccato tutto e tutti, ma è anche quello che abbiamo speso alla ricerca di uno spazio all'aperto, come avevamo previsto, che potesse ospitare al meglio il festival rispettando le misure anticontagio. Alla fine abbiamo optato per il sicuro e comodo Auditorium del Conservatorio di Musica ‘Giovanni Pierluigi da Palestrina', che potrà accogliere sino a duecento spettatori, e che ringraziamo per la disponibilità".

Mercoledì 23 settembre
Si parte dunque mercoledì 23 settembre con una serata di anteprima all'EXMA,
il Centro Comunale d'Arte e Cultura in via San Lucifero con inizio alle 21. Il primo set vedrà di scena il duo formato dal clarinettista Matteo Costa e il chitarrista Alessandro Bardi: entrambi diplomandi al Conservatorio di Cagliari, proporranno un repertorio che spazia dal jazz più classico a quello contemporaneo, ma anche composizioni originali.

Altro giovane talento nato in Sardegna, il sassofonista nuorese Elias Lapia (classe 1995) è il protagonista della seconda parte della serata. Forgiato nei seminari di Nuoro Jazz, che inizia a frequentare quando non ha ancora compiuto quattordici anni, nel 2015 si trasferisce a Parigi, dove è ammesso al dipartimento di Jazz et Musiques Improvisées del Conservatoire National Superieur de Musique et de Danse de Paris. Nel 2018 si trasferisce in Olanda, a Den Haag, dove viene ammesso al Master in Sassofono Jazz al Koninklijk Conservatorium. Vincitore l'anno scorso del Premio Internazionale Massimo Urbani e del Premio Imaie, nel suo bagaglio di esperienze conta esibizioni in diversi festival e club internazionali. Mercoledì sera a Cagliari Elias Lapia sarà affiancato da tre volti noti del jazz isolano: il pianista Mariano Tedde, il contrabbassista Salvatore Maltana e il batterista Massimo Russino.

Giovedì 24 settembre con la chitarra di Matteo Mancuso


Da giovedì 24 a sabato 26, “Forma e Poesia nel Jazz” pianta le tende all'Auditorium del Conservatorio di Musica "Giovanni Pierluigi da Palestrina". Tiene banco nella prima serata (inizio ore 20,30) il trio del chitarrista palermitano Matteo Mancuso con Stefano India al basso e Giuseppe Bruno alla batteria, una formazione nata con l'intento di fondere la potenza del rock con i colori e l'eleganza del jazz. Ventiquattro anni da compiere il prossimo novembre, Matteo Mancuso si è fatto conoscere per la sua particolare tecnica con le dita applicata alla chitarra elettrica, ricevendo apprezzamenti da specialisti dello strumento a corde del calibro di Steve Vai, Dweezil Zappa e Al Di Meola, tra gli altri. Insieme al suo trio propone dei classici della fusion e del jazz ma soprattutto composizioni originali.

Venerdì 25 settembre Danilo Rea omaggia la grande Mina


Venerdì 25 si comincia (sempre alle 20,30) con l'Interplay Trio di Carla Giulia Striano alla voce, Andrea Schirru alle tastiere e Francesco Oppes alla batteria; una formazione che, come suggerisce il nome, si basa sull'interazione dei musicisti e sulle loro idee estemporanee, spaziando dal jazz all'hip hop.

Nel secondo set riflettori puntati su "Tre per Una", il progetto di Danilo Rea (pianoforte), Massimo Moriconi (contrabbasso) e Alfredo Golino (batteria) dedicato agli ottant'anni, compiuti lo scorso 25 marzo, di Mina. Un progetto nato dall'affiatamento di questi tre grandi jazzisti che con "la tigre di Cremona" hanno registrato di tutto, dalle ballad jazz al rock, dalla fusion all'acustico, dalle canzoni di autori italiani e internazionali al tango. In "Tre per Una", Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino, rileggono a modo loro canzoni appassionanti e conosciutissime del repertorio di Mina come "Non credere", "E se domani", "Io e te da soli", tra le altre, interpretate in maniera inedita e diversa ogni sera.

Sabato 26 settembre tra la Sella del diavolo e Fabrizio Bosso e Rosario Giuliani


La quarta giornata di Forma e Poesia nel Jazz, sabato 26, prende il via a mezzogiorno in uno dei luoghi simbolo di Cagliari, il promontorio della Sella del Diavolo, con un trekking e un concerto aperitivo del duo formato dal chitarrista Rubens Massidda e il trombettista Adriano Sarais.

Poi, in serata, l'ultimo doppio appuntamento all'Auditorium del Conservatorio. Il primo set (ore 20,30) vede sul palco Marco Cocco in trio con Massimo Ferra alla chitarra e Alessandro Atzori al contrabbasso. Il cantante cagliaritano, classe 1980, presenta in chiave personale e originale un repertorio all'insegna dei brani che hanno fatto la storia dello swing e del jazz, di autori come George Gershwin, Cole Porter, Rodgers and Hart, resi popolari dalle interpretazioni di musicisti del calibro di Louis Armstrong, Nat King Cole e Frank Sinatra.

Due grandi protagonisti del jazz italiano, Fabrizio Bosso e Rosario Giuliani, al centro dei riflettori nella seconda parte della serata con il progetto "Connections" affiancati da Alberto Gurrisi all'organo Hammond e Marco Valeri alla batteria, impegnati in un repertorio di standard ma anche di composizioni originali. Fabrizio Bosso è considerato uno dei migliori trombettisti a livello internazionale sia per la tecnica sopraffina, sia per il feeling che caratterizza i suoi assoli, ora funambolici, ora densi di lirismo e pathos, ma sempre puntuali e ricchi di estro. Rosario Giuliani impressiona l'ascoltatore per la facilità con cui il sassofonista di Terracina sa trarre dal suo strumento un fraseggio fluido, a tratti vorticoso, allacciandosi con naturalezza a grandi predecessori come Julian "Cannonball" Adderley, Art Pepper e John Coltrane.

Domenica 27 settembre matinée alla basilica di san saturnino con l'arpa elettrica

Domenica 27 settembre una matinée nel parco della Basilica di San Saturnino, inedito scenario per il concerto di Raoul Moretti con la sua arpa elettrica e elettronica. Appuntamento alle 11 e 30. Versatile e sperimentale, il musicista italo-svizzero, da qualche anno di casa in Sardegna, ha un approccio molto originale al suo strumento che ha messo a frutto in differenti ambiti musicali , dall'avanguardia al pop-rock, dalla classica al world music, e artistici (danza, pittura, cinema, video-installazioni). Ideatore e direttore artistico del festival internazionale Arpe del Mondo, Raoul Moretti conta un'intensa attività concertistica a livello internazionale e tre album a suo nome.

Venerdì 2 ottobre Jazz on the moon al Nuraghe sa Fraigada

L'ultimo impegno di Forma e Poesia nel Jazz edizione numero ventitré, venerdì 2 ottobre, porta il festival fuori Cagliari, al Nuraghe Sa Fraigada che sorge nei pressi di Monte Cresia, località nel territorio del comune di Sinnai all'interno del parco dei Sette Fratelli. In programma "Jazz on the moon", una serata che prevede una passeggiata ecologica a cura della guida escursionistica Stefania Contini e poi un concerto al chiaro di luna con i Two of Us della cantante Carla Giulia Striano con il chitarrista Rubens Massidda.

Biglietti e prenotazioni

Nel rispetto delle attuali norme anti Covid-19, i posti disponibili per i diversi eventi del festival sono limitati. Per partecipare agli appuntamenti con accesso gratuito occorre prenotarsi telefonando al numero 3883899755 o inviando una mail all'indirizzo prenota@formaepoesianeljazz.com. L'ingresso è invece a pagamento per i concerti in programma all'Auditorium del Conservatorio: i biglietti – a 13 euro per la serata del 24 settembre, e a 23 euro per il 25 e del 26 – e gli abbonamenti per le tre serate a 45 euro si possono acquistare a Cagliari al Box Office in viale Regina Margherita, 43 (tel. 070657428) e online su www.boxofficesardegna.it.

Notizie e aggiornamenti sono disponibili sul sito www.formaepoesianeljazz.com e alla pagina www.facebook.com/FormaePoesianelJazz, Instagram formaepoesianeljazz.