Tiscali.it
SEGUICI

Fiorella Mannoia canta "Bocca di Rosa" per le donne libere: "L'amore deve essere consenziente"

Alla Notte della Taranta l'omaggio a Fabrizio De André

di Francesca Mulas   
Loading...
Codice da incorporare:

“L'amore deve essere condiviso, consenziente. L'amore è stare bene, è avere il piacere di stare insieme, desiderarsi l'un l'altro. Niente di più". Fiorella Mannoia, da sempre impegnata nella difesa dei diritti delle donne, sabato ha lanciato un messaggio forte dal palco della Notte della Taranta nei giorni in cui le cronache raccontano di violenza e soprusi su bambine e ragazze.

 “Un omaggio a De André"

Maestra concertatrice per l'edizione numero 26 del festival dedicato alle musiche e danze popolari del Salento, la cantante romana ci ha regalato una riflessione sull'attualità mentre si discute dei brutti episodi di stupri di Latina e Caivano. Mannoia ha pronunciato queste parole prima di cantare “Bocca di Rosa”, unico brano in italiano nella scaletta della Notte della Taranta, che Fabrizio De André scrisse nel 1967 insieme a Gian Piero Reverberi: “Un omaggio a De André – ha sottolineato la maestra concertatrice – ma anche a una donna che ha voluto vivere libera”. 'Bocca di rosa' racconta di una donna che un giorno comparve in un paesino e fu cacciata dalle altre donne del paese perché portava via l'amore dei loro uomini; secondo alcuni, il brano potrebbe essere ispirato a una prostituta che De André incontrò a Genova, sua città natale che diede volti e storie a tante delle sue canzoni.

Una line up con forte impronta femminile

Con Fiorella Mannoia, sul palco del piazzale dell'ex convento degli Agostiniani le voci femminili dell'Orchestra popolare della Notte della Taranta Consuelo Alfieri, Alessandra Caiulo, Stefania Morciano ed Enza Pagliara, e le ballerine del Corpo di ballo omonimo Lara Boccadamo, Sara Colonna, Laura De Ronzo, Cristina Frassanito, Serena Pellegrino, Lucia Scarabino sulle coreografie di Francesca Romana di Maio. Una line up con forte impronta femminile, quella andata in scena a Melpignano lo scorso 26 agosto: “La taranta è femmina – ha sottolineato Mannoia durante la conferenza stampa di presentazione dell'evento - è una 'faccenda de femmine', perché le protagoniste delle canzoni, le tarantate sono quasi sempre donne". 

di Francesca Mulas   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Celine Dion riappare in pubblico: ovazione e lacrime sue e dei fans
Celine Dion riappare in pubblico: ovazione e lacrime sue e dei fans
Antonello Venditti: Cosa accadde nella mia 'Notte prima degli esami'. Poi fa una sorpresa ai maturandi
Antonello Venditti: Cosa accadde nella mia 'Notte prima degli esami'. Poi fa una sorpresa ai maturandi
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...