Il Nobel Mo Yan, 'resto creativo, nonostante l'età'

Il Nobel Mo Yan, 'resto creativo, nonostante l'età'
di Ansa

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 04 AGO - Otto anni dopo aver ricevuto il premio Nobel per la Letteratura, Mo Yan è tornato a fine luglio con il suo ultimo lavoro, "A Late Bloomer" (Sbocciare tardi). Anche se sono passati 10 anni dal suo libro precedente, il celebre scrittore cinese ha detto di non aver mai smesso di scrivere. In una recente intervista con Xinhua, Mo ha espresso il desiderio di mantenere la creatività nella sua scrittura. Ha detto che gli scrittori di solito vincono il premio Nobel in tarda età e che la creatività spesso vacilla con l'età, sottolineando che il numero crescente di attività sociali e di impegni, così come la pressione che si accompagna al premio, possono ostacolare la scrittura. Tuttavia l'autore cinese ha osservato che sono state anche create molte opere importanti dopo che uno scrittore è stato insignito del premio. "Non ho mai smesso di scrivere o di prepararmi per una nuova creazione negli ultimi otto anni", ha detto. Nel suo nuovo libro, narrato in prima persona e composto da 12 storie, Mo scrive di "se stesso". "Queste storie proseguono il mio stile di scrittura, ma fondono nuovi elementi", ha detto. Questo modo di scrivere dà ai lettori un senso di realtà, qualcosa che Mo afferma di perseguire, anche se la maggior parte delle storie e delle figure del libro sono di fantasia. Il titolo è un temine elogiativo per indicare le persone che "sbocciano tardi", nascondendo il loro talento in giovane età per poi brillare nella seconda metà della loro vita. Dal punto di vista della letteratura e delle arti, Mo ha detto che per uno scrittore o un artista, maturare, irrigidirsi e restare immutato in giovane età presagisce la fine delle creazioni, mentre essere una persona che sboccia tardi significa avere uno spirito che persegue sempre l'innovazione e la trasformazione. "Vogliamo sempre dei cambiamenti nelle nostre opere. Vogliamo essere in grado di superare noi stessi e vogliamo mantenere la nostra vitalità nell'arte e la nostra capacità di creare". (ANSA-XINHUA).