Che colori abbiniamo all'autunno? Blu, Rosso, Nero naturalmente!

Tre titoli per tre colori: i consigli autunnali della blogger Simona Scravaglieri di "Letture sconclusionate"

Che colori abbiniamo all'autunno? Blu, Rosso, Nero naturalmente!
"Letture Sconclusionate"
di

Io sono una di quelle che il freddo, quando arriva, lo festeggiano. Non è solo legato al fatto che il caldo non lo amo particolarmente ma proprio alle stagioni e ai loro colori predominanti. Per me l’arrivo dell’autunno è blu come il cielo nelle giornate limpide, è rosso come il fuoco del camino che accendo per salutare i primi freddi e nero come il tè che mi piace bere con un bel libro in mano. Ringrazio Giuditta e Valentina de “La biblioteca di Babele” per avermi coinvolta in questa interessante rubrica.

BLU

Come il cielo e il mare, un sottile collegamento con Palermo e Valentina che mi passa il testimone e il colore netto del cielo autunnale romano che si prepara al grande inverno. A casa mia oggi si ritrova con la raccolta di raccolti di un autore romano: Daniele Titta. Una copertina d’impatto, con tutte le gradazioni del blu e qualche incursione a contrasto. E’ un po’ come le storie racchiuse al loro interno, sembrano correlate ma ognuna rivendica la sua identità e particolarità. Il racconto è una scoperta che ho fatto da grande. Ebbene sì, mi pento e mi dolgo di aver detto da giovane che i racconti non mi piacevano! Ma, a mia discolpa, posso dire che i racconti che più apprezzo oggi sono quelli con una netta impronta contemporanea e americana; sono lavori sperimentali sospesi fra il “potrebbe essere un romanzo” e ti voglio riassumere il tutto in un’unica immagine. A detta dell’autore “ci sono storie che per essere tali non serve siano romanzi, anzi se venissero così trattate perderebbero la loro forza” e io aggiungo, che il talento di un bravo scrittore non sta nello scrivere storie ma a renderle perfette anche se si svolgono in mezza pagina. Daniele questo talento lo ha, portandoci in giro in luoghi diversi, in mondi a volte verosimili, a volte fantastici e in altri reali. Un modo come tanti per raccontarci attraverso la metafora della scrittura e per guardarci da fuori, un libro imprescindibile per chi ama la letteratura, ovvero quella che ci sa parlare, e che sa che non è finita vent’anni fa.

ROSSO

Io la vedo rossa, ma anche rosa, e c’è anche del verde. Lui è il serpente che non può cambiare la sua natura e che non può nemmeno negarla. E’ così, come lo siamo tutti noi, possiamo scegliere di modificarci ma non possiamo annullare il nostro io. Il punto è scegliere come apparire e scegliere come vivere, non c’è un modo giusto e nemmeno uno sbagliato, non esiste una regola, a parte quella della natura e della nostra essenza. Il profondo controsenso dell’essere nel mondo contemporaneo è il tema di questa raccolta di Rita Bullwinkell, una ventata di aria fresca, con Titta, in un contesto come quello italiano ancorato in una concezione della letteratura a volte troppo leccata o che si limita al vecchio modo di raccontare il nostro mondo. Anche qui sono racconti, anche qui nascono e si svolgono come fossero romanzi anche se sono scritti a volte molto brevi, e sono geniali nella loro metafora assurda. Rita è provocatoria, diretta e semplice. Non servono tante parole se hai presente dove stai andando, non servono orpelli se il mezzo che hai per arrivarci è d’impatto. Se alla Austen dovremo sempre riconoscenza per l’inizio di “Orgoglio e pregiudizio” a Rita dobbiamo lo straordinario talento di essere riuscita a sintetizzare la visione multiforme femminile con pragmatismo e di aver trovato un nuovo modo per raccontarla e permettere a tutti di guardarci dentro.

NERO

E’ il colore predominante di questo grapich novel sospeso fra la questione femminista e la rivalsa intelligente contro una storia che a me è sempre sembrata un po’ maldestra. Di uomini in armi narrava la parabola arturiana, sospesa fra leggenda e mito quasi mistico. Di Artù s’è sempre detto di tutto e di sua sorella in proporzione poco e nulla. Le donne, ai tempi della leggenda erano dolci donzelle cui dedicare lunghe ballate e intricati poemi; tanto amate e mitizzate vengono restituite a noi donne moderne un po’ come pupazze, senza voce e senza un io eterne icone di un misticismo creato più per chi fa arte che per chi la legge. E poi ecco che così, alla chetichella, in un momento storico in cui la questione femminista è foriera di confusione e di battaglie più di forma che di contenuto che arrivano loro… due uomini. Hanno portato un piccolo spiraglio con la loro Morgana che pur rimanendo nel mito che le è stato cucito addosso ora si può spiegare, parlare e raccontare. Una donna, una diseredata dal padre e dalla vita che nella rivalsa può apparir cattiva eppure con il suo atteggiamento è strettamente pertinente all’epoca delle vicende di cui si narra e al corrispettivo atteggiamento maschile. Ma seppur diversa, volitiva e veemente, Morgana trova il modo di rimanere femminile e sopratutto umana. Una storia da leggere e da far leggere soprattutto alle giovani per non perpetrare lo stereotipo della femminista ma il senso della salvaguardia di una questione femminista sempre aperto e sempre carente di modi nuovi e pertinenti di viverlo.

Simona Scravaglieri cede il testimone a Irene di Librangolo Acuto, che il prossimo mese scriverà “i tre colori” delle sue letture.