Tiscali.it
SEGUICI

Ilary Blasi "Che stupida": se lo dice da sola e ci guadagna su perché "la mia verità" è a pagamento

Non bastava la versione unica di "Unica", appunto, sulla fine del matrimonio con Totti. Ora arriva il libro: l'importante è convincere e fatturare

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   

Piangi, distruggiti in diretta, fai atto di pentimento mediatico, scrivici su un libro con la tua insindacabile versione dei fatti e hai ottima probabilità di finire dalla parte della ragione. Perché la ragione in tempi di continui talk show che sono una sfilata di dolori personali e pianti in diretta, e di social media in cui ciascuno strepita la sua verità, ha questo aspetto. Ilary Blasi, personaggio cresciuto a pane e pose televisive, l'arte della vendita di sé la conosce bene. Per questo se lo dice da sola: Che stupida. Ci titola il suo libro in cui rievoca la sua vicenda fino all'amore con Totti e alle ragioni della rottura. Non bastava la ragione unica di, appunto, Unica. La docuserie Netflix a voce pure quella unica. La sua.

Hanno tutti ragione

"La mia verità è preordinabile in tutte le librerie" strilla Ilary Blasi dal suo balcone Instagram. In copertina una foto che più glamour non si può, con labbra in giusta evidenza e paglietta vacanziera ma malinconica a nascondere gli occhi, quelli che di solito sono lo specchio dell'anima. Ma è tutto molto selfie, col broncio appena accennato come si usa oggi. Altrimenti non saresti il "capolavoro femminista" che sei secondo Paola Bellone, compagna della leader Pd Elly Schlein che si è entusiasmata per il doc Unica. E siccome hanno tutti ragione in base alle pose convincenti che assumono con i loro staff editoriali e di assistenti alla comunicazione, ora aspettiamo l'altra verità unica, quella di Francesco Totti che prima o poi verrà fuori pure lui con un libro con posa seriosa, magari di spalle che guarda un orizzonte cupo ma con raggio di sole.

Foto vacanziera della Blasi datata 2022, finita nella copertina del suo libro (da Instagram)

"Una marea scura" e un occhio ai fatturati

Si sa che per compensazione sociale e di immaginario di sé, le disgrazie dei cosiddetti Vip sono quelle che tirano di più in termini di ascolti e vendite. Il motivo è semplice: qualcuno li sente un po' più umani perché hanno divorzi, nausee, reumatismi, amicizie distrutte proprio come la maggior parte di noi mortali, e molti di più godono a vedere il loro feticcio che si maltratta in pubblico o cade nel ridicolo di episodi inattesi. Un'illusione di livella, come la chiamava Totò nella sua celebre poesia sul poveraccio e il nobile finiti sepolti in tombe una vicina all'altra. Scrive Ilary Blasi: "Avevo l’impressione che una marea scura si stesse allargando dentro di me e arrivasse a lambire il ponte. Non mi ero mai dovuta sforzare per rimanere razionale, quella volta sì". E ancora: "Mi chiamano Ice Princess, la principessa di ghiaccio. E non perché porti spesso i capelli dello stesso colore di Elsa di Frozen" ma perché la lacrima che cade dalla guancia finisce nella casella opportuna dei fatturati. In attesa dei fatti, farciti accuse reciproche di furto, affari milionari, tradimenti e strascichi legali di un divorzio ancora in corso. 

Leggi anche: Foglietta contro Blasi: "Unica supera tutti i limiti"

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Drea De Matteo oggi (Shutterstock) e in una scena de I Soprano
Drea De Matteo oggi (Shutterstock) e in una scena de I Soprano
Angelina Mango (montaggio da Instagram/Ansa)
Angelina Mango (montaggio da Instagram/Ansa)
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Francesco Totti e Ilary Blasi: allora le lacrime erano di commozione (Ansa)
Francesco Totti e Ilary Blasi: allora le lacrime erano di commozione (Ansa)

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...