Tiscali.it
SEGUICI

Lohan, la condanna da scontare e lo stalker

TiscaliNews   
Lohan, la condanna da scontare e lo stalker

Non c'è pace per Lindsay Lohan. Mentre pare finalmente dar prova di voler mettere la testa a posto e accettare di prendersi le sue responsabilità, l'attrice e modella è perseguitata da uno stalker. Tale David Corcoran segue Lindsay ovunque, la tempesta di messaggi di devozione, si intromette nella sua privacy. Ecco perché, su denuncia della Lohan, che dice di aver paura di essere stuprata, è stata emessa un'ordinanza restrittiva nei confronti di Corcoran, a cui è impedito di avvicinarsi alla ragazza. 

Lavori socialmente utili  - Ai primi di maggio la Lohan è stata condannata a a quattro mesi di carcere per il furto di una collana di preziosi del valore di 2.500 dollari, reato risalente allo scorso gennaio. Gli dei dello spettacolo, ammesso che esistano, e soprattutto l'abbondante disponibilità di denaro, ancora una volta le danno una mano. La pena carceraria è stata commutata in 480 ore di servizi sociali. Lilo, come la chiamano amici e fan, dopo aver pagato una cauzione di 75mila dollari, dovrà indossare il braccialetto elettronico che ne prova gli spostamenti e potrà tornarsene a casa, anche perché è stata condannata per un reato non violento.

Due anni terribili per l'ex bambina prodigio - Lindsay Lohan ha cominciato tre anni fa ad avere problemi con la giustizia. Nel 2008, in particolare, venne arrestata per due volte nell'arco di tre mesi per guida in stato di ebbrezza. Rilasciata sulla parola, si era impegnata a sottoporsi ad una terapia riabilitativa, ma venne successivamente accusata di non seguire tutti gli incontri a cui era tenuta. Per questo nel luglio scorso era comparsa nuovamente davanti ad un giudice e, in lacrime, aveva promesso di comportarsi bene: "E' in gioco la mia vita, la mia carriera, non prendo affatto tutto ciò come uno scherzo" disse alla giudice Marsha Revel. La quale tuttavia la condannò a 90 giorni di carcere sia per aver mentito nei due casi di guida pericolosa (l'attrice in un primo tempo negò di aver assunto sostanze), sia per non aver seguito i corsi riabilitativi che le erano stati ordinati. Dei 90 giorni di detenzione Lindasy Lohan ne ha fatti 13. Poi ha seguito un periodo di terapia di 23 giorni in una clinica. Quindi è stata trovata positiva a due test antidroga. Cos' è scattata la riabilitazione coatta. Al termine della quale, tornata in libertà, Lilo si è macchiata di furto.

Non c'è pace per Lindsay Lohan. Mentre pare finalmente dar prova di voler mettere la testa a posto e accettare di prendersi le sue responsabilità, l'attrice e modella è perseguitata da uno stalker. Tale David Corcoran segue Lindsay ovunque, la tempesta di messaggi di devozione, si intromette nella sua privacy. Ecco perché, su denuncia della Lohan, che dice di aver paura di essere stuprata, è stata emessa un'ordinanza restrittiva nei confronti di Corcoran, a cui è impedito di avvicinarsi alla ragazza. 

Lavori socialmente utili  - Ai primi di maggio la Lohan è stata condannata a a quattro mesi di carcere per il furto di una collana di preziosi del valore di 2.500 dollari, reato risalente allo scorso gennaio. Gli dei dello spettacolo, ammesso che esistano, e soprattutto l'abbondante disponibilità di denaro, ancora una volta le danno una mano. La pena carceraria è stata commutata in 480 ore di servizi sociali. Lilo, come la chiamano amici e fan, dopo aver pagato una cauzione di 75mila dollari, dovrà indossare il braccialetto elettronico che ne prova gli spostamenti e potrà tornarsene a casa, anche perché è stata condannata per un reato non violento.

"Lilo" la sregolata

Due anni terribili per l'ex bambina prodigio - Lindsay Lohan ha cominciato tre anni fa ad avere problemi con la giustizia. Nel 2008, in particolare, venne arrestata per due volte nell'arco di tre mesi per guida in stato di ebbrezza. Rilasciata sulla parola, si era impegnata a sottoporsi ad una terapia riabilitativa, ma venne successivamente accusata di non seguire tutti gli incontri a cui era tenuta. Per questo nel luglio scorso era comparsa nuovamente davanti ad un giudice e, in lacrime, aveva promesso di comportarsi bene: "E' in gioco la mia vita, la mia carriera, non prendo affatto tutto ciò come uno scherzo" disse alla giudice Marsha Revel. La quale tuttavia la condannò a 90 giorni di carcere sia per aver mentito nei due casi di guida pericolosa (l'attrice in un primo tempo negò di aver assunto sostanze), sia per non aver seguito i corsi riabilitativi che le erano stati ordinati. Dei 90 giorni di detenzione Lindasy Lohan ne ha fatti 13. Poi ha seguito un periodo di terapia di 23 giorni in una clinica. Quindi è stata trovata positiva a due test antidroga. Cos' è scattata la riabilitazione coatta. Al termine della quale, tornata in libertà, Lilo si è macchiata di furto.

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Francesco Totti e Ilary Blasi: allora le lacrime erano di commozione (Ansa)
Francesco Totti e Ilary Blasi: allora le lacrime erano di commozione (Ansa)
Barbara Exignotis e Nino Frassica, a destra la donna filmata nello scontro coi vicini (montaggio da Instagram)
Barbara Exignotis e Nino Frassica, a destra la donna filmata nello scontro coi vicini (montaggio da Instagram)

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...