Tiscali.it
SEGUICI

Rohrwacher: La chimera omaggio a popoli che hanno creato l'Italia

di Askanews   
Loading...
Codice da incorporare:

Cannes (Francia), 26 maggio (askanews) - Alice Rohrwacher racconta con il suo stile tra fiaba e realtà il mondo dei tombaroli ne "La chimera", in concorso al festival di Cannes. Siamo negli anni Ottanta e una sgangherata banda si immerge nelle viscere della terra per rubare reperti archeologici etruschi e poi rivenderli a mercanti d'arte senza scrupoli. La banda è guidata da un giovane uomo, interpretato da Josh O'Connor, che "sente" il vuoto della terra in cui si trovano le vestigia del passato.

"Come è possibile trasgredire la legge dei vivi e la legge dei morti? Come ci si sente? Mi ha intrigato molto questa vicenda, quindi ho intervistata moltissimi tombaroli, tanti archeologi, tante forze dell'ordine che si sono occupate di inseguire i tombaroli. Ne è nato un racconto molto corale, che affronta un tema molto importante, cioè la relazione che abbiamo con il passato, anche, diciamo, con l'aldilà".Nel film ci sono vari omaggi, a due Maestri come Fellini e Pasolini, e non solo. "Sono degli omaggi sicuramente legati alla condivisione di una storia comune. Forse, se faccio un passo indietro, un omaggio alla nostra identità, stratificata, un'identità piena di popoli diversi, piena di stranieri. Un'identità italiana, mediterranea, etrusca, ma insomma di tutto quel grande misto di popoli che ha poi creato il nostro Paese".Infine, a proposito della sua presenza in concorso a Cannes con tanti Maestri, la regista dice: "Mi sento come la sorella minore che è stata invitata alla festa dei grandi e che si mette in un angolo a guardarlo. Abbiamo Bellocchio, abbiamo Moretti, abbiamo Aki Kaurismaki. Io tra un po' svengo".

di Askanews   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Scorsese fra DiCaprio e De Niro sul set di Killers Of The Flower Moon
Scorsese fra DiCaprio e De Niro sul set di Killers Of The Flower Moon
Roger Waters e Bono Vox (foto da Shutterstock)
Roger Waters e Bono Vox (foto da Shutterstock)
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Filippo Timi ossessionato da Dostoevskij e dalla paura di guardarsi nel monitor durante le riprese
Filippo Timi ossessionato da Dostoevskij e dalla paura di guardarsi nel monitor durante le riprese

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...