Pandora, la danza torna live al Costanzi

Pandora, la danza torna live al Costanzi
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Torna la danza dal vivo all'Opera di Roma. Al Costanzi il balletto è di scena in diretta il 29 gennaio alle 20 in streaming gratuito sul canale YouTube ufficiale con la prima assoluta di Pandora, del coreografo Simone Valastro. Il Corpo di Ballo diretto da Eleonora Abbagnato danzerà sulla musica di John Adams, The Grand Pianola Music, eseguita dall'Orchestra dell'Opera di Roma diretta dal maestro Carlo Donadio. Nei ruoli principali le étoile Alessandra Amato (Vedova) e Rebecca Bianchi (Pandora) e il primo ballerino Claudio Cocino (Epimeteo). Le parti vocali sono affidate ai talenti di "Fabbrica" Young Artist Program Agnieszka Jadwiga Grochala (soprano), Marianna Mappa (soprano) e Angela Schisano (mezzosoprano). Simone Valastro, già ballerino dell'Opéra di Parigi, ha intrapreso la carriera coreografica nel 2008: nel 2020 ha debuttato al Bol'šoj e ora all'Opera di Roma con una nuova creazione. "Come accade spesso, il mio punto di partenza non è il soggetto - dice - . La mia fonte di ispirazione è quasi sempre la musica, e trovo che il compositore John Adams, nonostante lo stile minimalista, riesca a dare al suo lavoro una componente suggestiva. The Grand Pianola Music è un capolavoro dell'inizio degli anni Ottanta". La costante pulsazione ritmica del brano, spiega, è particolarmente adeguata alla scrittura coreografica: "La musica dal carattere drammatico dipinge un'atmosfera quasi fantascientifica, come se raccontasse un evento soprannaturale. Da lì è scaturita l'idea del Mito di Pandora, personaggio femminile della mitologia greca, creato da Zeus per vendicarsi degli umani. Tuttavia, il mio lavoro non è prettamente narrativo. Il mito originale (dal carattere alquanto misogino) è solo un punto di partenza. La 'mia' Pandora non ha nessun vaso, assomiglia poco al personaggio del racconto". L'Orchestra dell'Opera di Roma affronta per la prima volta The Grand Pianola Music. John Adams, dopo la prima assoluta del febbraio 1982, si domandava "Come potrei dire ai critici che in fin dei conti amo Grand Pianola Music e che sono fiero della sua originalità e ispirazione?". Le scene del nuovo allestimento sono di Andrea Miglio, i costumi di Anna Biagiotti, le luci di Fabrizio Marinelli. (ANSA).