Mostre: all'Ara Pacis il viaggio nel tempo di Josef Koudelka

Mostre: all'Ara Pacis il viaggio nel tempo di Josef Koudelka
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 01 FEB - Dalle sfingi egiziane a Pompei, dalle rovine romane ai templi della Grecia. Oltre cento spettacolari immagini panoramiche, alcune di grande formato, raccontano al Museo dell'Ara pacis - da oggi riaperto al pubblico - il viaggio nell'antico de grande fotografo ceco Josef Koudelka. Intitolata "Radici. Evidenza della storia, enigma della bellezza", la mostra dell'Ara Pacis espone i risultati di un progetto che Kouldelka ha portato avanti per oltre trent'anni, esplorando e ritraendo con tenacia e continuità alcuni dei più rappresentativi e importanti siti archeologici del Mediterraneo, alla scoperta delle radici della storia europea. Un viaggio fatto di panorami senza tempo, ricchi di anima e fascino, caratterizzati da prospettive instabili, inaspettate, ambivalenti, che ben rappresentano il lessico visuale e la cifra stilistica propri di Koudelka che evita la semplice illustrazione e documentazione delle rovine, scegliendo invece di dare respiro alle testimonianze archeologiche rappresentandole in un'eterna tensione tra ciò che è visibile e ciò che resta nascosto, tra enigma ed evidenza. Promossa nella sua unica tappa italiana da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, Contrasto e Magnum Photos, organizzata da Contrasto e Zètema Progetto Cultura, con la collaborazione di Villa Medici. Académie de France à Rome e Centro Ceco, l'esposizione resterà aperta al pubblico fino al 16 maggio 2021. La retrospettiva è accompagnata dal volume Radici pubblicato da Contrasto. (ANSA).