Tiscali.it
SEGUICI

"Così nacque la supercazzola di mio padre Ugo in Amici miei". Retroscena di una sbornia-capolavoro

Gianmarco Tognazzi ha svelato, grazie a un racconto della madre, come fu completata la sceneggiatura del film. Con quella scena entrata nel mito

TiscaliNews   
Gianmarco Tognazzi (Ansa), a destra il padre Ugo nella prime delle scene con la 'supercazzola' di Amici miei
Gianmarco Tognazzi (Ansa), a destra il padre Ugo nella prime delle scene con la "supercazzola" di Amici miei

L'anno prossimo (1975) compirà 50 anni e resta una delle più belle e celebrate commedie italiane ciniche e scatenate sull'amicizia, sul provare a farsi beffe della vita, degli anni che passano, sfuggendo a problemi e fragilità a colpi di zingarate. E di Supercazzola. Il monologo surreale di Ugo Tognazzi ha contribuito al successo di Amici miei e ne è diventato un simbolo. Quando il conte Nello Mascetti, interpretato da Tognazzi, parte con il suo "Antani, blinda la supercazzola prematurata con doppio scappellamento a destra...tarapia tapioco" ci si piega in due dalle risate e non c'è spazio per altro. Ma come è nato questo piccolo grande classico surreale?

In mezzo a una sbronza da vino

E' stato Gianmarco Tognazzi, attore e figlio di Ugo, a svelare il retroscena dell'invenzione della supercazzola che torna in tutti e tre i film della saga scatenata di Amici Miei. Ospite a Pomezia del Festival Città Identitarie, Gianmarco Tognazzi ha svelato come sia stato il vino a mettere assieme le parole di Ugo Tognazzi con la penna dello sceneggiatore Piero De Bernardi. Il tutto cominciò 50 anni fa a casa di Tognazzi alle tre del mattino, in mezzo alle bottiglie semivuote del vino che già allora il grande attore produceva, con un ordine tra il serio e il faceto di Ugo all'amico Piero: "Allora scrivi. Eh? scrivi: tarapia". E lo sceneggiatore, ubriaco come l'attore, si fece scrupolo di aver capito bene e chiese: "Terapia? No tarapia. Poi: tapioco. Tapioca? No, tapioco, come fosse Antani". E via di questo passo, inventando parole assurde ma plausibili dette con convinzione per ingannare e prendere in giro l'interlocutore. Che può essere un vigile urbano, un amore che sta andando a pezzi, un'alta autorità e perfino il cuoco gigantesco che scopri essersi approfittato di tua figlia mentre lei, lavorando al ristorante, si discolpa precisando: "Sparecchiavo".

Video

Come se fosse Antani e Tapioco, i vini Tognazzi

Gianmarco Tognazzi ha scoperto solo da poco, grazie a una confidenza fattagli da sua madre, che lo scioglilingua senza senso ma divertentissimo che è la supercazzola è frutto dell'estro surreale di Ugo Tognazzi nel posto in cui amava più stare quando non era sul set. La cucina, con abbondante vino e amici attorno. Quell'ubriacatura ha partorito un classico del cinema italiano, e quel classico è celebrato dai vini che Gianmarco Tognazzi continua a produrre e a cui ha dato i nomi di Come se fosse, Antani e Tapioco

 

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Una scena di Lo chiamavano Trinità e Terence Hill oggi (da Shutterstock)
Una scena di Lo chiamavano Trinità e Terence Hill oggi (da Shutterstock)
Viggo Mortensen, una leggenda che si tiene lontana da Hollywood: Gloria all'Ucraina
Viggo Mortensen, una leggenda che si tiene lontana da Hollywood: Gloria all'Ucraina
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...