Tiscali.it
SEGUICI

Schermi equi e solidali

redazione

di Cinematografo   
Schermi equi e solidali

Prende il via mercoledì 10 aprile la 13esima edizione di IFF – Integrazione Film Festival, concorso cinematografico internazionale dedicato al tema dell’integrazione tra diverse appartenenze culturali e provenienze nazionali. A Bergamo e Sarnico, fino a domenica 14 aprile, le proiezioni dei 14 film in concorso, tra documentari e cortometraggi di finzione, gli incontri con i registi e diversi eventi collaterali.

Mercoledì 10 l’apertura ufficiale del Festival, promosso da Cooperativa Ruah in collaborazione con Lab 80 film: alle 19,45, all’Auditorium di Piazza Libertà a Bergamo, dopo un brindisi inaugurale la serata sarà dedicata ai cortometraggi in gara. Film di apertura, fuori concorso, Indovina chi ti porto per cena di Amin Nour (Italia 2018, 11′), giovane sceneggiatore e regista italiano di origini somale che racconta in modo brillante e ironico le multi-appartenenze culturali delle seconde generazioni. Amin Nour sarà in sala per dialogare col pubblico.

A seguire Giovani italiani di Alessandro Panza (Italia 2018, 11’32”), Flying Roots di Micaela Zurita Poma (Italia 2018, 37′), My Tyson di Claudio Casale (Italia 2018, 15′) e Il mondiale in piazza di Vito Palmieri (Italia 2018, 15′).

La seconda serata, giovedì 11 all’Auditorium di Bergamo, comincia alle 18. Ad aprire due film documentari: Il comandante di Roncobello di Pietro Bonfanti, girato nel paesino dell’Alta Valle Brembana dove è stato allestito un Centro di Accoglienza Straordinaria (Italia 2018, 43′), con regista presente in sala, e Quasi domani di Gianluca Loffredo (Italia 2017, 52′).

Alle 19,45 aperitivo-cena, a seguire altre proiezioni: il cortometraggio Yousef di Mohamed Hossameldin (Italia 2018, 14′), con regista presente; il pluri-premiato documentario Tides – A history of Lives and Dreams Lost and Found (Some broken) di Alessandro Negrini (Regno Unito 2017, 50′), con regista in sala, e Paters di Francesco Cardarelli (Italia 2018, 5’8”), a sua volta presente in sala per dialogare col pubblico.

Dopo le due serate all’Auditorium di Piazza Libertà, da venerdì 12 aprile Integrazione Film Festival si sposta nel Basso Sebino, dove 13 anni fa è nato come piccola rassegna: di nuovo proiezioni ed eventi collaterali, oltre alle premiazioni dei film vincitori. Venerdì 12 il reading letterario E tu splendi, tratto dall’omonimo romanzo di Giuseppe Catozzella (Feltrinelli, 2018), con la Compagnia teatrale Il Capannone; alle 20,45 all’Auditorium comunale di Sarnico.

Sabato 13 proiezione degli altri cortometraggi in concorso, dalle 11 al Cineteatro Junior di SarnicoIus maris di Vincenzo D’Arpe (Italia 2018, 15′), Palla prigioniera di Hermes Mangialardo (Italia 2019, 3′), La gita di Salvatore Allocca (Italia 2018, 14′), Krenk di Tommaso Santi (Italia 2018, 15′) e Tulipe di Andrea Di Cicco (Italia 2018, 15′).

Alle 14,30 un altro evento collaterale, al Cineteatro L’Isola di Villongo: lo spettacolo Tagnza dell’Association Wafae Agadir pour le Théatre, una delle tappe italiane di un tour promosso dal Ministero marocchino per gli emigranti e della locale Associazione Simira.

Dalle 19,30, di nuovo al Cineteatro Junior, la serata delle premiazioni: si comincia con i vincitori del Premio fotografico Ulisse Belometti, si prosegue con un aperitivo-cena e dalle 20,45 proiezioni e proclamazione dei vincitori del Festival: Miglior Cortometraggio e Miglior Documentario.

La chiusura, con un evento speciale per famiglie, domenica 14, dalle 16, ancora al Cineteatro Junior di Sarnico: Ninnar cantando, un saggio di ninne nanne dal mondo con esposizione e proiezione di fotografie dello studio La Libellula e partecipazione della Biblioteca di Sarnico con testi a tema.

«Invitiamo a partecipare al Festival tutto il pubblico bergamasco, in tutte le sue espressioni di pluralità, – dice Giancarlo Domenghini, Direttore di Integrazione Film Festival -. Per scoprire storie positive, vedere film di qualità e conoscere registi capaci di riflettere e raccontare con intelligenza, ironia e poesia. Vogliamo che le nostre serate e i nostri eventi diventino davvero momenti di scoperta e di condivisione stimolati dal bello, il cinema in una cornice di festival».

Il programma e le informazioni dettagliate sul Festival si trovano sul sito internet Cinematografo.

di Cinematografo   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Una scena di Lo chiamavano Trinità e Terence Hill oggi (da Shutterstock)
Una scena di Lo chiamavano Trinità e Terence Hill oggi (da Shutterstock)
Gianmarco Tognazzi (Ansa), a destra il padre Ugo nella prime delle scene con la supercazzola di...
Gianmarco Tognazzi (Ansa), a destra il padre Ugo nella prime delle scene con la supercazzola di...
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...