Tiscali.it
SEGUICI

Mark Whalberg: il cattivissimo del rap e del cinema che gira con la croce in fronte. "Servo di Dio"

Milionario, denunciato, carcerato, prima giovane sregolato. Poi il grande successo fra molti errori, oggi è un attivista cattolico. Piaccia o no

TiscaliNews   
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)

Essere il duro, quello con muscoli d'acciaio e mascella sempre contratta che quasi chiama un cazzotto per scatenare tutto il resto. Essere quello concupito come simbolo di bellezza macho, quello del manifesto di Calvin Klein in bianco e nero che esaltava tutti i muscoli, compreso quello chiacchieratissimo dentro i boxer. Ancora: diventare un attore ed essere capace di giocarsi talento e grinta sia negli action movie sia nel grande cinema d'autore, con film come The Departed di Scorsese, Amabili resti, The Fighter e Boogie Nights. Poi implodere. La vita di Mark Whalberg, già Marky Mark, ha un primo e un secondo tempo nettamente divisi.

Il crollo

La vita del bad boy per Whalberg sbatte presto contro il crimine e la galera. Ancora adolescente, le prime denunce per inseguimenti e minacce a persone di colore, a 15 anni il pestaggio di un ragazzino di origine orientale lo porta al carcere minorile. Razzismo e omofobia sono due accuse che lo inseguiranno a lungo, perfino mentre sfonda come rapper Marky Mark e diventa poi modello e sex symbol a fianco a Kate Moss nelle pubblicità di Calvin Klein. Tanto da spingerlo ad abbandonare la musica per tentare la carriera d'attore. Nel mentre i guai fatti di arresti, denunce, scontri con i familiari e droghe lo portano alla conversione. Il carcere nel suo caso ha questo effetto: dietro le sbarre trova Dio.

La rinascita

Fa pensare la vicenda dell'attore oggi 53enne, arrivato ad essere un decina d'anni fa il più pagato del mondo con un guadagno annuo di oltre 68 milioni di dollari, che va in giro a farsi fotografare con una croce segnata a carboncino nero sulla fronte, a stringere mani a sacerdoti cattolici e raccontare nelle interviste: "Passo gran parte della mia giornata rendendo grazie a Dio". In numerose interviste va ripetendo: "Ho commesso un sacco di errori, avevo un sacco di tempo libero perché stavo poco con i miei genitori impegnati a lavorare molte ore al giorno per darci da mangiare". Ha ricordato anche il paradosso di essere avvicinato da altre persone mentre era in chiesa e che queste gli chiedessero di pregare con loro, aspiranti artisti, perché il loro film potesse avere successo. Oggi Whalberg è padre di quattro figli, sposato dal 2009 con la stessa donna. Ha parlato contro l'omofobia e devoluto quasi due milioni di dollari a Time's Up, movimento per i diritti e la dignità delle donne. Almost a good guy, direbbero negli States. 

 

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

La reporter Jessie e, a destra, verso la scena finale di Civil War (immagini del film)
La reporter Jessie e, a destra, verso la scena finale di Civil War (immagini del film)
Hugh Grant accetta un enorme risarcimento da The Sun ma avverte: Non starò zitto
Hugh Grant accetta un enorme risarcimento da The Sun ma avverte: Non starò zitto
Bruce Robinson: Zeffirelli disgustoso e sadico. Mi molestò mentre facevo la doccia. Il racconto shock
Bruce Robinson: Zeffirelli disgustoso e sadico. Mi molestò mentre facevo la doccia. Il racconto shock
Da sinistra: Annamaria Vartolomei in Maria, Brando e la Schneider in Ultimo Tango e Bernardo Bertolucci (Ansa)
Da sinistra: Annamaria Vartolomei in Maria, Brando e la Schneider in Ultimo Tango e Bernardo Bertolucci (Ansa)

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...