Tiscali.it
SEGUICI

Sarah Felberbaum, la lezione di Tina Anselmi alla politica e il caso Melissa Satta. "Una follia"

Si racconta la protagonista del film Tina Anselmi - Una vita per la democrazia: ci parla del marito de Rossi, di famiglia e dello sfogo della Satta sui social dopo l’attacco degli haters

Emanuele Bigidi Emanuele Bigi   
Loading...
Codice da incorporare:

Sarah Felberbaum è protagonista assoluta nel film tv Tina Anselmi - Una vita per la democrazia di Luciano Manuzzi, su Rai 1 in prima serata il 25 aprile. L’attrice, moglie di Daniele De Rossi, interpreta la prima donna ministra in Italia, era il 1976 quando fu nominata alla guida del Ministero del Lavoro, poi toccò a quello della Salute e nel 1981 divenne Presidente della Commissione di inchiesta sulla loggia massonica P2. Una donna che ha segnato la storia del nostro paese: ha lottato per abolire le differenze salariali tra uomini e donne, per approvare la legge sull’aborto, la riforma Basaglia e dar vita al Servizio Sanitario Nazionale.  

Sarah Felberbaum: “Tina Anselmi, un dono interpretarla”  

Un ruolo del genere se lo sognava da tempo Sarah Felberbaum. “Sono orgogliosa ed emozionata”, ci rivela dalla sede Rai di Viale Mazzini, “all’inizio guardavo il regista e mi dicevo: ‘Questo è matto, perché ha scelto me?’ Sono la prima a criticarmi, ma Luciano ha visto in me qualcosa che non avevo considerato. Mi ha dato possibilità di lavorare sullo spirito, sulla forza e sulla concretezza di Anselmi, senza soffermarmi sul lato estetico. Il lato estetico l’abbiamo sorvolato, dovevo concentrarmi su altre corde. È stato un dono lavorare a questa storia”.  

Una donna premier potrebbe cambiare le condizioni delle donne? “Dipende dalla donna”  

Tina Anselmi ha lottato per i diritti delle donne, sia da sindacalista prima, che da Ministra poi. Oggi le condizioni non sono di certo idilliache, il gender gap è una realtà amara. Un premier donna può aiutare a migliorare la situazione? Chiediamo all’attrice. “Non lo so, dipende sempre dalla donna”, ci risponde Sarah, “Tina era una tosta, pura, coraggiosa e forte che aveva dei principi e non si lasciava distrarre da altro. Era un modo diverso di fare politica rispetto a oggi. Tina era una donna religiosa e quando si dedicò alla legge 194 sull’aborto il Vaticano la ostacolò, ma viveva in uno Stato laico e doveva rimanere salda a quel principio. Ha messo da parti le idee personali per fare quello che era giusto fare”.  

Sarah e il casalingo Daniele De Rossi  

La donna della DC ha dedicato tutta la sua vita alla politica, accantonando la vita personale. Sarah invece ha fatto delle rinunce di carriera per la famiglia (ha tre figli con Daniele De Rossi). “Non credo che Tina abbia scelto, ha fatto quella che voleva”, è convinta l’attrice, “ha seguito il cuore e le passioni. Era una lottatrice. Una ragazza che a 16 anni diventa una partigiana era predestinata a cambiare il mondo, o almeno ci ha provato. Io ho scelto di dedicare del tempo alla mia famiglia e al mio lavoro, ho trovato un equilibrio che andasse bene a me. Credo che tutte le donne dovrebbero farlo, senza bisogno di spiegazioni”.  

A proposito di famiglia, il marito Daniele De Rossi è stato appena esonerato come allenatore dalla Spal. Da una parte Sarah esulta: “A casa è più facile gestire tre figli in due, è fuori discussione”, sorride, “Daniele è uno che si dà da fare in casa. Auguro comunque a lui tante soddisfazioni lavorative”, continua a sorridere.  

Sarah appoggia lo sfogo di Melissa Satta sui social dopo l’attacco degli haters  

Infine chiediamo a Sarah un suo parere sulla polemica scoppiata sui social che ha investito Melissa Satta e il compagno Matteo Berrettini. Gli haters l’hanno insultata e accusata di essere la causa del momento critico del tennista italiano, e un moto quotidiano l’ha definita “porta sfortuna”. “Trovo che sia una follia”, dichiara Sarah, Melissa ha fatto bene a parlarne sui social e come dice lei a un uomo non accadrebbe mai, non gli verrebbero fatte certe domande e non subirebbe tante accuse. Non mi è mai capitato di essere attaccata così sui social, non dovrebbe accadere, quindi è giusto parlarne, per fare in modo che non capiti più”.

Emanuele Bigidi Emanuele Bigi   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Hugh Grant accetta un enorme risarcimento da The Sun ma avverte: Non starò zitto
Hugh Grant accetta un enorme risarcimento da The Sun ma avverte: Non starò zitto
Bruce Robinson: Zeffirelli disgustoso e sadico. Mi molestò mentre facevo la doccia. Il racconto shock
Bruce Robinson: Zeffirelli disgustoso e sadico. Mi molestò mentre facevo la doccia. Il racconto shock
Da sinistra: Annamaria Vartolomei in Maria, Brando e la Schneider in Ultimo Tango e Bernardo Bertolucci (Ansa)
Da sinistra: Annamaria Vartolomei in Maria, Brando e la Schneider in Ultimo Tango e Bernardo Bertolucci (Ansa)
Gli attori italiani portano Netflix in tribunale. Di che cosa è accusata la piattaforma di streaming
Gli attori italiani portano Netflix in tribunale. Di che cosa è accusata la piattaforma di streaming

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...