Le 'sliding doors' di Chiara Mastroianni persa tra amanti e amori smarriti

Arriva nelle sale italiane il 20 febbraio il film che è valso a Chiara Mastroianni il premio al Certain Regard di Cannes

TiscaliNews

Guardare al proprio matrimonio da una stanza d'albergo, dove si ritrova il proprio marito tornato ventenne (Vincent Lacoste) e i giovani amanti con i quali ci si è 'distratti' durante gli anni. E' la favola moderna che ha come mattatrice un'intensa e ironica Chiara Mastroianni nel film 'L'hotel degli amori smarriti', la commedia agrodolce di Christophe Honoré. La pellicola, in sala dal 20 febbraio con Officine Ubu, ha portato alla protagonista (che è anche in corsa fra le migliori interpreti ai César 2020) il premio come migliore attrice nella sezione Un Certain Regard all'ultimo Festival di Cannes ed è stata appena designata Film della critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani.

Nei panni di una brillante docente universitaria

E' sicuramente un legame pieno di luci ed ombre quello fra i protagonisti, Maria (Mastroianni) , brillante docente universitaria, e il tranquillo Richard (Biolay) con cui è sposata da vent'anni. Quando l'uomo però una sera trova un messaggio che svela l'infedeltà della moglie, scoppia una violenta lite che porta Maria a andarsene di casa per andare a dormire nell'albergo dall'altra parte della strada.

Per Chiara Mastroianni e Honoré è il sesto film insieme:

Un sodalizio, tra in due, iniziato nel 2007 che comprende anche Les Biens- Aimés (2011) nel quale l'attrice italo francese ha recitato con la madre Catherine Deneuve. E anche stavolta vita famigliare e arte si mescolano, perché a recitare il ruolo di Richard, marito quarantenne della protagonista, c'è il cantante e attore Benjamin Biolay, che è stato realmente sposato con Chiara Mastroianni dal 2002 al 2005 ed è padre di sua figlia Anna.