Tarantino sbanca i Golden Globe, delusione per Scorsese. Joaquin Phoenix è il miglior attore

Sam Mendes vince come regista e con "1917". Renée Zellwger premiata per “Judy” e Brad Pitt miglior attore non protagonista

Quentin Tarantino
Quentin Tarantino
TiscaliNews

E' "C'era una volta a... Hollywood" il film più premiato all'edizione 2020 dei Golden Globe, assegnati dall'HFPA. Nel corso della serata a Los Angeles condotta dal comico Ricky Gervais, il lungometraggio diretto da Quentin Tarantino ha ottenuto il riconoscimento per il miglior film commedia o musical, miglior attore non protagonista (Brad Pitt) e miglior sceneggiatura.

Doppia sorpresa Sam Mendes

Doppia sorpresa Sam Mendes: ai Golden Globes vince come miglior regista, superando i super favoriti Martin Scorsese (The Irishman) e il sudcoreano Bong Joon-Ho (Parasite). Il suo '1917' è il miglior film drammatico. Joaquin Phoenix è il miglior attore del 2019 in un film drammatico. L'attore, premiato per "Joker", è anche un attivista per i diritti degli animali: ha ringraziato la Hollywood Foreign Press per la cena "vegana" che ha preceduto i premi, prima di invitare i suoi colleghi e i giurati a non prendere troppi aerei per partecipare a altre cerimonie del genere. "Parasite" è il miglior film straniero. "Una volta che supererete la barriera dei sottotitoli sarete introdotti a un mondo incredibile di film", ha detto il regista sudcoreano Bong Joon-Ho accettando il premio.

Gli attori premiati

Nonostante le 34 nomination, solo due premi per Netflix: Laura Dern migliore attrice non protagonista per "Storia di un matrimonio" e Olivia Colman, migliore attrice per la serie "The Crown". Successo anche per "Rocketman", il biopic su Elton John. Premiato Taron Egerton come migliore attore di commedia o musical, oltre allo stesso Elton John e Bernie Taupin per la migliore canzone originale. A Renee Zellweger, protagonista di "Judy", il premio per la miglior attrice drammatica. Il miglior film d'animazione è "Missing Link", mentre il coreano "Parasite" trionfa tra gli stranieri.

Categoria tv

Nella categoria tv, a Russell Crowe il premio per il miglior attore con "The Loudest Voice". Durante la serata, non sono mancati i riferimenti all'attualità, con Patricia Arquette, miglior attrice non protagonista in un film tv o miniserie con "The Act", che ha criticato la politica estera del presidente Usa Donald Trump, definendola "guerrafondaia".