Tiscali.it
SEGUICI

La bastonata a "Barbie": bocciate agli Oscar Gerwig e Margot Robbie, e alla fine vince Ken

Regista e attrice fuori dalle candidature più prestigiose, il film non è candidato. Spuntal la nomination a Ryan Gosling, bambolotto imbecille che piace

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   

Lo scrivevamo qui subito dopo aver visto e recensito Barbie di Greta Gerwig. In un film "a programma" dichiaratamente femminista e paritario come è Barbie, il vero vincitore a fine visione risultava il ridicolo e insicuro Ken interpretato da Ryan Gosling. Per niente preoccupato di essere ritratto come fusto imbecille vestito in modo ancora più imbecille per tutta la durata della storia. E ora ad essere candidato all'Oscar come migliore attore non protagonista è lui. Non c'è traccia di nomination per la Gerwig come migliore regista (sarà una gara soprattutto fra il Nolan di Oppenheimer e il Lanthimos di Povere creature!) né della pur bravissima Margot Robbie fra le migliori attrici, dove con tutta probabilità la spunterà Emma Stone? Dunque? Perché questa bocciatura eclatante?

"Non c'è Ken senza Barbie"

Gosling lo ha detto subito dopo aver ricevuto la notizia della sua nomination: "Non c'è Ken senza Barbie", sottolineando che le due grandi escluse dalla corsa al massimo premio cinematografico sono fondamentali per la riuscita del suo personaggio. Ma già ai Golden Globe, Barbie, film fenomeno dell'anno e più grande incasso cinematografico della storia, se si guarda alle regie femminili, aveva avuto una brutta battuta d'arresto. E' probabile che un riconoscimento lo abbia l'America Ferrera che è in un personaggio secondario ma recita il monologo su quanto sia difficile essere donna in questo mondo, classico "spiegone" tutto politically correct che piace tanto agli americani. Che però puniscono tutto il resto.

Un "giocattolone" che fa successo e dà fastidio

E' una punizione da parte dell'Academy, ancora centro di potere soprattutto bianco, Wasp e conservatore? Di aperture negli ultimi anni ce ne sono state, soprattutto sulla questione razziale. Ma il femminile? Si obietterà che la storia degli Oscar è piena di attrici premiate per la loro eccellenza, molte meno sono le registe ma ci sono (dalla Bigelow a Chloé Zao). E forse un film così "fantastico" per ambientazione viene percepito come non abbastanza artistico, ne sanno qualcosa il Cameron di Avatar ma anche Nolan sempre snobbato fino ad Oppenheimer. Forse Barbie, "giocattolone" di incredibile successo, ha finito per dare fastidio a chi ha davvero il potere. O forse, fatta la tara a mode MeToo e woke ora tanto in voga, non è poi questo gran film memorabile. Gerwig e Robbie, bocciate come regista e attrice, potrebbero conunque rifarsi come migliore sceneggiatrice e migliore produttrice. Nel frattempo è polemica, e protesta. 

Tanto sesso nel mondo di Frankenstein: "Povere Creature!" fra censura e successo. Leggi qui

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Leonardo Pieraccioni e Margherita Buy (Shutterstock)
Leonardo Pieraccioni e Margherita Buy (Shutterstock)
Scorsese fra DiCaprio e De Niro sul set di Killers Of The Flower Moon
Scorsese fra DiCaprio e De Niro sul set di Killers Of The Flower Moon
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Sabrina Ferilli, il ritorno in Gloria e quei tanti no che le hanno salvato la vita
Sabrina Ferilli, il ritorno in Gloria e quei tanti no che le hanno salvato la vita

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...