Tiscali.it
SEGUICI

Garrone: "I sopravvissuti mi hanno fornito la verità. Polemiche? "Racconto una storia di ingiustizia"

Io, Capitano è un Pinocchio attualizzato, un mix con Gomorra (lo dice il regista citando due suoi film) ed è anche "un'Odissea contemporanea, in cui i due ragazzi sono un simbolo della loro generazione globalizzata, parte di una migrazione che non è solo quella della fuga dalle guerre e dalle catastrofi climatiche

TiscaliNews   

C'è Mamadou Kouassi della Costa d'Avorio, è un uomo fatto, 15 anni fa ha fatto il viaggio dal suo paese, attraversando il deserto subsahariano in Niger, arrivando in Libia, patendo le torture e poi imbarcandosi in mare. Ora vive a Caserta e ha aiutato Matteo Garrone a rendere ancora più vero Io, capitano, il film in sala da domani con 01 in 203 copie e oggi applaudito in concorso a Venezia 80 e che molto probabilmente potrebbe essere il candidato italiano agli Oscar. E poi - spiega su Ansa Alessandra Magliaro - ci sono Seydou Sarr e Moustapha Fall, i due protagonisti senegalesi, attori per caso, facce meravigliose con la voglia di Europa negli occhi e i primi autografi da firmare. E ci sarebbe stato anche Fofana Amara, il vero capitano che a 15 anni si ritrovò a guidare una barca di 250 migranti come lui senza averne mai condotta una e davvero urlò Io Capitano: ora vive in Belgio, sposato con una donna conosciuta nel centro di accoglienza a Catania, hanno figli ma non ancora il permesso di soggiorno e per questo a Venezia non è potuto arrivare nonostante abbia ispirato la storia e collaborato al film.

Io, Capitano è un Pinocchio attualizzato, un mix con Gomorra (lo dice il regista citando due suoi film) ed è anche "un'Odissea contemporanea, in cui i due ragazzi sono un simbolo della loro generazione globalizzata, parte di una migrazione che non è solo quella della fuga dalle guerre e dalle catastrofi climatiche. Il 70% degli africani sono giovani - spiega all'ANSA Garrone - e hanno il legittimo desiderio di migliorare la loro vita, essere liberi di circolare. E' un fatto di giustizia: perchè ai loro coetanei europei è permesso andare in vacanza in Senegal in aereo e loro al contrario devono affrontare un viaggio della speranza senza sapere se arriveranno vivi?".

Garrone ha scelto appositamente il Senegal e per protagonisti due minori poveri con dignità che hanno internet e voglio andare in Europa per stare meglio, lavorare, mandare i soldi a casa, diventare calciatori e rapper. "Ci vuole coraggio per fare quel viaggio e io stesso - racconta Mamadou - ero tentato di tornare indietro ma poi ho deciso di rischiare".

La sua storia ha ispirato Garrone così come quella del giovane capitano e per aggiungere verità ai due attori protagonisti "che mai erano usciti dal Senegal" non ha mai dato il copione, "ogni giorno venivano sul set ed era un scoperta, come se vivessero l'avventura raccontata nel film, con i momenti di gioia e quelli di disperazione", racconta il regista che ha girato a Casablanca, Dakar e nel mare davanti Marsala. Cosa si augurano questi africani? "Che gli europei ci capiscano, comprendano il nostro desiderio di libertà che è universale, lo stesso dei ragazzi occidentali. E che ci siano canali di ingresso sicuri, che l'Europa non dia soldi a paesi come Libia e Tunisia che calpestano i diritti umani. E anche che gli spettatori vedano le nostre sofferenze. Oggi - dicono - è una grande emozione".

Il controcampo di Garrone, il "guardare l'Europa dal lato opposto, quello dell'Africa - conclude il regista - è una scelta che mette in luce un mondo di persone con i loro sogni, desideri, persone non numeri come quelli della conta dei morti sulla rotta del Mediterraneo cui siamo assuefatti". Il film si ferma prima dell'arrivo e il dopo? "Non so se avrò intenzione di raccontarlo ma non entro nel merito politico, da regista racconto una storia sul piano etico e universale di ingiustizia".

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Una scena di Lo chiamavano Trinità e Terence Hill oggi (da Shutterstock)
Una scena di Lo chiamavano Trinità e Terence Hill oggi (da Shutterstock)
Gianmarco Tognazzi (Ansa), a destra il padre Ugo nella prime delle scene con la supercazzola di...
Gianmarco Tognazzi (Ansa), a destra il padre Ugo nella prime delle scene con la supercazzola di...
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...