Monica Bellucci e Valerio Mastandrea, il lungo bacio inaspettato sul set di Diabolik 2

In questa videointervista i due attori che rappresentano la grande novità di "Diabolik – Ginko all’attacco!", raccontano cosa è accaduto durante la lavorazione dell'attesissimo secondo capitolo del film

Dal 17 novembre ritorna in sala Diabolik. Questa volta a interpretare il ladro più famoso dei fumetti è Giacomo Giannotti, che sostituisce Luca Marinelli, mentre ritroviamo al loro posto Miriam Leone, nei panni di Eva Kant, e Valerio Mastandrea in quelli di Ginko. In questa seconda avventura cinematografica, firmata dai Manetti Bros dal titolo Diabolik: Ginko all’attacco!, sarà proprio l’ispettore al centro della storia, che riprende l’albo numero 13 delle sorelle Giussani. I registi però inseriscono un nuovo personaggio che smuove gli equilibri, la duchessa Altea (Monica Bellucci), perdutamente innamorata di Ginko. Questa coppia è la vera novità del film

La coppia inedita Ginko e Altea nel nuovo Diabolik

"È una storia clandestina in cui Ginko non cede perché mette davanti a lei l’ossessione per Diabolik", ci racconta Mastandrea, "ma si trasforma, diventa meno calcolatore e stratega. Altea è affascinata da quest'uomo verso il quale prova una profonda ammirazione, ed è innamorata anche della sua tenacia".

"Altea è la Duchessa di Vallenberg e con i suoi occhi verdi fa strage di cuori", ci spiega Monica Bellucci, "e cerca di entrare in quello di Ginko che è chiuso a chiave. Anche quando non ci riesce invece di tirarsi indietro ci riprova. È una donna che ha tutto tranne l’ispettore, che vuole a tutti i costi". Tra i due assisterete a un bacio mozzafiato. Ecco com’è andata.

Il lungo bacio tra Monica Bellucci e Valerio Mastandrea

"Non avrei mai immaginato di girare una scena così passionale con Monica Bellucci, altrimenti mi sarei preparato prima", afferma con la sua ironia Valerio Mastandrea, "più che altro mi dispiace per lei", dice l’attore rivolgendosi alla collega, "lei ha avuto modo di lavorare con attori di una certa caratura. Non è che mi butto giù, sono solo realista. Però sapevo che mi sarei divertito con Monica, non ci conoscevamo, ma attraverso amici in comune sentivo che potevamo parlare la stessa lingua. Ci siamo divertiti molto nonostante dovessi mostrare una certa fisicità che non ho". "Ma se quel giorno del bacio ti sei presentato con un cappotto con due spalle…", gli fa presente Monica. E lui: "Le spalle erano finte…". Poi la diva prosegue: "Questo bacio non è nulla rispetto a quello che vedrete nel terzo film (uscirà il prossimo anno ndr): tante cose succederanno in questa storia d’amore senza fine…". "Ci siamo divertiti", ammette anche Monica, "e poi si sa al cinema succedono cose strane, anche di dover girare scene intime con un attore che non conosci. E deve scattare il feeling altrimenti la scena non funziona. Con Valerio è andata bene".

Monica Bellucci: "Girare un film con mia figlia? Lei non vorrebbe"

Infine chiediamo a Monica di sua figlia Deva, la primogenita, che sta seguendo le tracce della madre: prima ha posato con lei per una famosa rivista, ora sta girando un film. Le piacerebbe girare un film con lei? "Mia figlia sa volare da sola, e poi se le proponessero di lavorare con me direbbe di no. Vuole fare le sue esperienze. Ed è giusto così".