Tiscali.it
SEGUICI

C’è un Tempo per… l’Integrazione

redazione

di Cinematografo   
C’è un Tempo per… l’Integrazione

È stato ufficialmente aperto il bando per la partecipazione alla 13esima edizione del Festival Cinematografico C’è un Tempo per… l’Integrazione, promosso da Cooperativa Ruah e, da quest’anno, organizzato con la preziosa collaborazione di Lab 80 film.

Il Festival, che si svolgerà dal 10 al 14 aprile 2019 a Bergamo e Sarnico, è da sempre dedicato al tema dell’integrazione: tra persone, famiglie e popolazioni di diversa appartenenza culturale e provenienza nazionale. Due le sezioni: il Concorso internazionale per documentari e il Concorso internazionale per cortometraggi di finzione.

“Completato il tempo di giro di un orologio con lo scorso anno, la 13esima edizione di questo Festival punta ora ad un’ulteriore crescita e al consolidamento sia a livello artistico che socio-culturale – spiega Giancarlo Domenghini, Coordinatore del comitato organizzatore per Cooperativa Ruah -. Vogliamo premiare e far conoscere al pubblico film capaci di raccontare aspetti positivi della realtà, che cambia rapidamente ed è sempre più multiculturale, multi linguistica e multi religiosa. Il Festival è nato nel territorio del Basso Sebino, in provincia di Bergamo, un’area periferica che da anni registra una presenza sopra la media di cittadini stranieri residenti. Questo è il nostro punto di forza: siamo nati dal basso, a stretto contatto con la realtà che vogliamo raccontare”.

Nel corso degli anni C’è un Tempo per… l’Integrazione ha saputo crescere e diventare un riferimento per registi e filmmaker italiani, nuovi italiani e stranieri che dedicano la propria attenzione alle numerose e sorprendenti storie che raccontano esperienze di interazione, di scambio, di convivialità delle differenze, di incontro e di scontro. “Al mondo del cinema chiediamo di raccontarci quanto vorremmo che diventasse al più presto realtà: l’integrazione – aggiunge Domenghini -, per capire la complessità del reale attraverso l’osservazione “da vicino”, quando non “da dentro”, dei vissuti veri di uomini e donne”.

Il Festival prevede l’assegnazione di quattro premi: Miglior Documentario, Miglior Cortometraggio di Finzione, Miglior opera realizzata da istituti scolastici o singole classi del territorio italiano e Premio in Memoria di Saad Zaghloul per opere realizzate da cooperative sociali, associazioni di volontariato e enti del terzo settore della Lombardia (Saad Zaghloul era un giovane di origine marocchina, tra i primi nel territorio del Basso Sebino a collaborare attivamente per favorire i processi di integrazione).

Per partecipare alla selezione è necessario iscriversi sulla piattaforma on line Cinematografo.

di Cinematografo   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Una scena di Lo chiamavano Trinità e Terence Hill oggi (da Shutterstock)
Una scena di Lo chiamavano Trinità e Terence Hill oggi (da Shutterstock)
Gianmarco Tognazzi (Ansa), a destra il padre Ugo nella prime delle scene con la supercazzola di...
Gianmarco Tognazzi (Ansa), a destra il padre Ugo nella prime delle scene con la supercazzola di...
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...