A Cinecittà apre il Miac, il nuovo museo di audiovisivo e cinema

Codice da incorporare:
di Askanews

Roma, 29 ott. (askanews) - Aprirà il prossimo dicembre il MIAC, il nuovo museo italiano dell'audiovisivo e del cinema dentro gli Studi di Cinecittà. Non ci sono memorabilia, costumi e oggetti di scena, che sono già presenti in un altro spazio espositivo, "Cinecittà si mostra": questo è un museo immersivo, emozionale, con sale immerse nel buio dove scorrono film e filmati d'archivio, documenti, fotografie, interviste, grafiche non solo di cinema ma anche di tv, e dove trovano spazio la tecnologia digitale, la realtà virtuale, i videogiochi. L'arte delle immagini in movimento viene raccontata attraverso aree tematiche e altrettante sale: da quella dedicata a attori e attrici a quella della storia, del potere, del futuro. Un'esperienza multimediale che permetterà allo spettatore di seguire il racconto di 120 anni di storia italiana attraverso immagini, luci e suoni.Dagli archivi di Istituto Luce-Cinecittà, Rai teche e Centro Sperimentale di Cinematografia arrivano le immagini in movimento che verranno aggiornate, cambiate, rinnovate nel tempo, mentre nel corso del prossimo anno verrà aperto uno spazio per le mostre temporanee e lo Spazio Lettura Tullio Kezich, con 7000 volumi provenienti dalla biblioteca personale del grande critico cinematografico.Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha detto: "E' un luogo importante per chi verrà, che vivrà in modo diverso l'emozione del cinema e delle immagini, ed è un luogo intorno al quale si possono costruire molte cose, sugli archivi, sul patrimonio che già c'è, e iniziative di studio, di ricerca, di formazione".