Torna Cetto la Qualunque con il capitolo conclusivo della "Trilogia d'u Pilu"

Si intitola "Cetto c'è senzadubbiamente", sarà nelle sale il prossimo 21 novembre e racconta la sua nuova vita prendendo le mosse dalla Germania, dove Cetto ha una compagna e due suoceri neonazisti

Codice da incorporare:
fonte: Redazione Tiscali

Tornano al cinema Antonio Albanese e il suo spassosissimo "Cetto la Qualunque". Ecco il trailer del film che racconta l'incredibile evoluzione del calabro disonesto, che ha ancora a che fare con il potere.

Il film che sarà nelle sale dal 21 novembre prende le mosse a dieci anni di distanza dall'elezione a sindaco di Marina di Sopra. Ora Cetto la Qualunque vive in Germania e ha messo da parte ogni ambizione politica. Per i tedeschi è un pittoresco imprenditore di successo, che considera la Germania una terra di conquiste e la mafia un marchio di qualità. La sua catena di ristoranti e pizzerie infatti spopola; ha una bella compagna tedesca e due suoceri neonazisti che lo guardano con la simpatia riservata ai migranti.

Il colpo di scena

Ma poi l’aggravarsi delle condizioni dell’amata zia che lo ha cresciuto, lo induce a tornare in Italia dove scopre qualcosa del suo passato destinata a cambiare per sempre il corso della sua vita e purtroppo, anche quelli di tutti noi. Il film che si intitola “CETTO C’È, SENZADUBBIAMENTE” è prodotto dalla Wildside di Mario Gianani e Lorenzo Mieli, da Fandango e da Vision Distribution, ed è è scritto dallo stesso Albanese con Piero Guerrera. La regia è di Giulio Manfredonia.