Tiscali.it
SEGUICI

Robert Downey Jr.: "Sherlock Holmes era un po' fuori di testa, come me"

TiscaliNews   
Robert Downey Jr.: 'Sherlock Holmes era un po' fuori di testa, come me'

Basta con il personaggio "soffocante" della tradizione, meglio un Sherlock Holmes che usa le mani oltre al cervello. Il 25 dicembre arriva nelle sale l'attesissimo Sherlock Holmes "revisionista" diretto da Guy Ritchie che ha per protagonista Robert Downey jr nei panni del celebre investigatore privato inventato da Sir Arthur Conan Doyle e Jude Law in quelli del Dottor Watson. Il film è ambientato nella Londra, "una città incredibilmente affascinante ma anche pericolosa di cui Holmes conosceva tutti i meandri e tutti i segreti", ha dichiarato il protagonista durante la premiere mondiale avvenuta nella capitale britannica.   

Downey Jr.: "Sherlock  fuori di testa come me" - Robert Downey jr. è rimasto entusiasta del personaggio disegnato da Ritchie. "Se pensiamo a Sherlock, ci viene in mente un tipo imprevedibile e un po' fuori di testa. Mi sa che ho più di qualcosa in comune con lui", ha detto l'attore americano. Guy Ritchie difende il suo inedito Sherlock Holmes: "Dall'inizio del progetto abbiamo lavorato per realizzare quella che era l'idea autentica di Conan Doyle". "Ad esempio non c'è traccia nei libri della celebre frase: elementare Watson".

Sherlock Holmes come Harry Potter - Secondo quanto riporta il sito Abc la produzione Warner Bros avrebbe deciso di sfruttare il èprobabile successo della pellicola di Guy Ritchie per creare una saga cinematografica come è avvenuto con Harry Potter che si concluderà nel 2011. La conferma arriva da Robert Downey Jr che in un'intervista al settimanale Grazia ha dichiarato: "Credo proprio che Sherlock Holmes avrà un sequel". Per il produttore Joel Silver, Holmes è "un marchio che ha ottime possibilità" per conquistare il grande pubblico.

 

 

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Scorsese fra DiCaprio e De Niro sul set di Killers Of The Flower Moon
Scorsese fra DiCaprio e De Niro sul set di Killers Of The Flower Moon
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Sabrina Ferilli, il ritorno in Gloria e quei tanti no che le hanno salvato la vita
Sabrina Ferilli, il ritorno in Gloria e quei tanti no che le hanno salvato la vita
A sinistra la intimacy coordinator Elle McAlpine, a destra Emma Stone in una scena di Povere creature!(da Instagram)
A sinistra la intimacy coordinator Elle McAlpine, a destra Emma Stone in una scena di Povere creature!(da Instagram)

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...