Tiscali.it
SEGUICI

Morto Tom Sizemore, indimenticabile in "Salvate il soldato Ryan": un mese fa l'aneurisma cerebrale

era stato colpito da un grave aneurisma al cervello il mese scorso e martedì scorso Lago aveva annunciato che la famiglia stava prendendo decisioni riguardo al "fine vita"

TiscaliNews   
Tom Sizemore è morto a Los Angeles (Credit Ansa)
Tom Sizemore è morto a Los Angeles (Credit Ansa)

Tom Sizemore non ce l'ha fatta. L'attore americano è morto a Los Angeles. Aveva 61 anni. Famoso soprattutto per i suoi ruoli in "Salvate il soldato Ryan" e "La Reliquia", Tom Sizemore era stato colpito da un grave aneurisma al cervello il mese scorso e martedì scorso Lago aveva annunciato che la famiglia stava prendendo decisioni riguardo al "fine vita". A renderlo noto in un comunicato è stato il suo manager, Charles Lago, come riporta il Guardian. "È con grande tristezza e dolore che devo annunciare che l'attore Thomas Edward Sizemore... si è spento serenamente nel sonno oggi al St Joseph's Hospital di Burbank. Suo fratello Paul e i suoi due gemelli Jayden e Jagger (17 anni) erano al suo fianco", ha dichiarato ieri il manager.

Tom Sizemore con Steven Spielberg e Tom Hanks in "Saving Private Ryan" (Credit Ansa)

Sizemore, nato a Detroit nel 1961, ha recitato nelle parti del duro in vari film di azione di successo a partire dagli anni Novanta. Tra questi Heat, Natural Born Killers, Pearl Harbor e Black Hawk Down. E' stato candidato a un Golden Globe per il suo ruolo in L'occhio gelido del testimone e nel 2017 era apparso in televisione nella serie Twin Peaks. L'attore era stato arrestato più volte per uso di droga e nel 2007 era stato condannato a 16 mesi di carcere per possesso di metanfetamina.

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Scorsese fra DiCaprio e De Niro sul set di Killers Of The Flower Moon
Scorsese fra DiCaprio e De Niro sul set di Killers Of The Flower Moon
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Mark Whalberg in versione ultrà cattolico oggi, ai tempi del successo come Marky Mark e divo del cinema (da Instagram)
Sabrina Ferilli, il ritorno in Gloria e quei tanti no che le hanno salvato la vita
Sabrina Ferilli, il ritorno in Gloria e quei tanti no che le hanno salvato la vita
A sinistra la intimacy coordinator Elle McAlpine, a destra Emma Stone in una scena di Povere creature!(da Instagram)
A sinistra la intimacy coordinator Elle McAlpine, a destra Emma Stone in una scena di Povere creature!(da Instagram)

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...