Keira ed Eva in "Last Night, tra colpa e tradimento

Keira ed Eva in 'Last Night, tra colpa e tradimento
di E.B.

La quinta edizione del Festival di Roma si è aperta nel segno della fedeltà e del tradimento con Last Night diretto da Massy Tadjedin. Michael (Sam Worthington, il divo di Avatar) e Joanna (Keira Knightley) sono sposati da tre anni e conducono una vita apparentemente felice. Lei è una scrittrice e giornalista di moda, lui si occupa di restauro di immobili. Si stanno preparando per andare a una cena di lavoro. Proprio durante quella cena Joanna scopre l’esistenza di Laura (Eva Mendes), una collega del marito molto attraente e con particolari attenzioni verso Michael. Ecco che sorgono i primi dubbi su un possibile tradimento. Il giorno dopo Michael deve partire per Philadelphia con Laura, mentre Joanna si ritrova improvvisamente catapultata nel suo passato quando incontra sotto casa lo scrittore (ed ex fidanzato) Alex (Guillaume Canet), che non ha mai smesso di amarla. Escono insieme, si scambiano qualche bacio, la tentazione di tradire c’è ma la mogliettina fisicamente esile si dice “amante della fedeltà e della lealtà”. A Philadelphia invece cosa starà accadendo, Michael avrà ceduto alle avances si Laura?

Il tipo di tradimento peggiore - Un film sulla seduzione, il tradimento, le tentazioni, la gelosia, ma è più grave tradire fisicamente o psichicamente? “In entrambe i casi si palesa il senso di colpa – confessa l’attore francese Guillaume Canet – la cosa migliore è essere felici e non tradire, se proprio non se ne può fare a meno, forse è più grave provare dei sentimenti verso qualcun altro, con questo non voglio sminuire l’importanza dell’atto sessuale, però a mio parere conta meno”. Poi ammette: “Non sono capace di dire bugie, quindi nell’uno e nell’altro caso la storia finirebbe comunque”.

Keira ed Eva a confronto - “Me lo sono chiesto più volte durante le riprese – dichiara la filiforme Keira – e non ho una risposta certa, ognuno vive le proprie esperienze in modo diverso”. “Poi dipende dalle situazioni - aggiunge la più formosa Mendes – non esiste solo il bianco e il nero, quando hai vent’anni magari accetti certe cose,quando ne hai quaranta no”. Last Night dividerà il pubblico, una cosa è certa: “in molti si identificheranno con i personaggi” assicura la regista che dice di aver avuto come punto di riferimento Eyes Wide Shut di Kubrick. “La sceneggiatura era bellissima – tiene a sottolineare Keira, amica di Massy – l’aspetto che mi ha convinto di più è il realismo con cui è stato affrontato l’argomento e soprattutto il fatto che non dà un giudizio morale, sarà il pubblico a giudicare con la propria esperienza”.