"Finalmente la felicità": Pieraccioni e il nuovo lieto fine

'Finalmente la felicità': Pieraccioni e il nuovo lieto fine
TiscaliNews

Puntuale come un orologio svizzero Leonardo Pieraccioni si presenta all'appuntamento con la commedia natalizia. Il comico toscano è il regista e il protagonista del film Finalmente la felicità in uscita nelle sale dal 16 dicembre. La formula del film è molto simile a quella di tutte le pellicole che hanno fatto la fortuna di Pieraccioni. L'attore veste i panni di Benedetto, un professore di musica imbranato, che scopre di avere per sorella una ragazzina brasiliana adottata a distanza da sua mamma. Luna è  una splendida ragazza di circa venti anni che farà perdere la testa al professore. Nel cast oltre alla  modella Ariadna Romeroa anche Rocco Papaleo, Andrea Buscemi, Thyago Alves e Shel Shapiro.

Pieraccioni a C'é posta per te - Tutto parte da C'é posta per te, il programma della De Filippi di Canale 5. Qui Benedetto scopre che sua mamma, appena morta, ha adottato a distanza Luna. E' lei a volerlo conoscere e per Benedetto inizia un'avventura con tanto di lieto fine. Benedetto partirà con questa sorellina acquisita alle volte della Sardegna insieme al suo amico Sandrino ed esattamente a bordo del suo pullman turistico panoramico. Qui Luna, di cui Benedetto ovviamente è già invaghito non certo di amore fraterno, incontra il suo ex Jesus. Entrambi modelli, i due si rivedono a un servizio fotografico, ma l'alchimia tra di loro non c'é più, mentre lei comincia sempre di più a pensare a questo 'fratello' non più giovanissimo, ma pieno di vita.

Il lieto fine è sempre garantito - "L'idea mi è venuta quando Domenico Costanzo mi ha detto che sua madre aveva appunto adottato una bambina brasiliana a distanza e che lui sognava di incontrare" spiega Pieraccioni. "Non ho mai avuto vergogna dell'happy-end. Un certo tipo di commedia alla Monicelli non potete chiederla a me, chiedetela casomai a Virzi. Comunque - conclude Pieraccioni - quello che conta è il giudizio del pubblico. Noi e voi siamo sempre dieci gradini sotto al pubblico. Basti solo pensare alla sorpresa al box office di Midnight in Paris di Woody Allen".