Cameron gira i due sequel di "Avatar" e rifà "Titanic" in 3D

Cameron gira i due sequel di 'Avatar' e rifà 'Titanic' in 3D
TiscaliNews

Gira due film contemporaneamente e trasferisce in 3D il suo kolossal Titanic. L'estate di James Cameron è iper-occupata. Il regista che ha polverizzato tutti i record di incasso (con oltre 3 miliardi di dollari) è tornato a parlare dei due film che proseguono e approfondiscono la saga di Avatar, cominciando col chiarire che non saranno due sequel necessariamente legati alla (scarna) storia del primo film. Si tratterà di andare in profondità nei temi affrontati dal primo film, anche con sorprendenti cambiamenti di scenario.Il produttore Jon Landau ha parlato di sforzo produttivo enorme, con oltre 700 posizioni professionali aperte per chi volesse lavorare alla realizzazione di Avatar 2 e 3.

Oltre la paura - "Lavoro sullo sviluppo degli effetti speciali e mi immergo completamente nella scrittura" ha detto Cameron, impegnato anche nell'allestimento di un nuovo studio di produzione a Manhattan Beach, "so che attorno al seguito di un grande successo ci sono sempre grandi aspettative. Ho già dovuto fare i conti con la paura con Terminator, nel 1984, e dopo il successo ottenuto con il primo Avatar, mi trovo nella stessa situazione, però sono abituato a questa pressione”.  Il regista ha confermato che il secondo capitolo di Avatar sarà presentato a Natale 2014, mentre l'anno successivo uscirà il terzo.

Oceani e un'altra galassia - Buona parte del secondo film sarà ambientato in gran parte negli oceani del pianeta Pandora. "Saranno tanto creativi, inusuali e folli quanto la foresta che avete visto nel primo film" ha detto James Cameron, assicurando che "ci sarà molto altro da scoprire". Non è ancora tutto, dato che il regista ha confermato di essere al lavoro per progettare il sistema solare Alpha Centauri AB dove potrebbe svolgersi anche parte del terzo film sulla saga dell'ex umano Jake. Diversi protagonisti di Avatar potrebbero tornare nei sequel. Anche quelli che hanno perso la vita, come la pilota ribelle Trudy Chacon, interpretato da Michelle Rodriguez, e soprattutto la biologa Grace Augustine, a cui il rituale di Eywa sembrava non aver ridato vita dopo essere stata colpita dai proiettili sparati dal colonnello Quaritch. Altra novità dei film in fase di progettazione è che parte del ricavato dall'incasso andrà devoluto in beneficienza per cause ambientaliste.