Michele Coppola (Intesa Sanpaolo): non c'è crescita senza cultura

Codice da incorporare:
di Askanews

Torino (askanews) - "Il rapporto tra banche, arte e cultura è un rapporto che risale alle origini delle banche stesse, da Rinascimento a oggi. In realtà è importante vedere come ancora oggi per la più importante banca italiana sia centrale investire nell'arte e nella cultura come elemento motore di crescita, ovviamente civile e culturale. Come diciamo sempre noi, non esiste una crescita economica sostenibile di un Paese se non c'è insieme a essa una crescita culturale e civile e arte e cultura sono un elemento irrinunciabile dell'identità del nostro Paese". Così Michele Coppola, responsabile delle Attività culturali di Intesa Sanpaolo ha risposto alla domanda di askanews sulla relazione tra gli istituti di credito e la cultura, sempre più al centro delle strategie d'impresa.