Un milione per Baglioni, Michelle e Favino: e riparte la polemica sui compensi di Sanremo

Pubblicati i dettagli di quanto riceverà il neo conduttore e direttore artistico, insieme ai suoi due comprimari. Basta davvero rispondere che "paga" la pubblicità?

Claudio Baglioni, Michelle Hunziker, Pierfrancesco Favino: il trio di conduttori di Sanremo 2018
Claudio Baglioni, Michelle Hunziker, Pierfrancesco Favino: il trio di conduttori di Sanremo 2018
Redazione Tiscali

A rito televisivo nazionalpopolare corrisponde rito polemico. Come ogni anno, come inesorabile arriva e se ne va il Natale e la Befana, al ritorno del Festival di Sanremo la prima cosa che si va a spulciare è quanto sborsa mamma Rai per il conduttore e direttore artistico di turno. E loro comprimari. Ora le cifre sono ufficiali e parlano di 600 mila euro per Claudio Baglioni, cantautore e divo pop di casa nostra che ha l'ultima parola su tutto quel che farà parte del Festival che vedremo fra un mese. Con lui sul palco ci sarà Michelle Hunziker, che avrà un compenso di 400 mila euro, meno della metà di quanto prese dieci anni fa per fare Sanremo con Pippo Baudo. Il tuttofare Pierfrancesco Favino, attore ma anche intrattenitore e imitatore (in queste due vesti, apposta per il Festival) prenderà 300 mila euro. Totale: un milione e 300 mila per i tre. Non è un Sanremo più costoso degli altri, ma non basterà a placare le polemiche.

I soldi spesi gli anni scorsi

Il budget totale di Sanremo 2018 è lo stesso di quello dell'anno scorso: 16 milioni e mezzo di spesa, a fronte di una raccolta pubblicitaria già a quota 25 milioni. E' questo l'argomento con cui ogni anno la Rai respinge le critiche, l'evento si ripaga da sé grazie agli spot. Ma siccome in quei 16 milioni e mezzo confluisce un pezzettino di canone Rai pagato per obbligo dal pubblico, siccome la Rai non sta esclusivamente sul mercato con la forza della propria protesta, ecco perché le proteste si ripetono anno dopo anno. A proposito, l'anno scorso e quello precedente il presentatore e direttore artistico (con ascolti da record) Carlo Conti prendeva 650 mila euro che comprendevano anche altri suoi impegni per la Rai. Ripeté in ogni modo che il grosso di quella cifra veniva ripagato dalla pubblicità, fece ascolti altissimi, regalò 100 mila euro in beneficienza. Non bastò. Paolo Bonolis è l'uomo da un milione di euro. Il suo fu uno dei Festival più fortunati e mantenne per anni il record di share. Più in basso Fabio Fazio, che per i suoi due Sanremo prese 600 mila euro a cui si aggiunsero i 350 mila per ogni edizione a Luciana Littizzetto. Due conduttori, un milione. Ora sono tre, e arrivano a un milione e tre. Per le due edizioni a lui affidate, Gianni Morandi ricevette 800 mila euro. In anni di spending review (che arrivano fino ai nostri giorni) Antonella Clerici spuntò mezzo milione di compenso. Un abisso, rispetto all'edizione (così così in termini di share) per cui Giorgio Panariello ricevette il compenso di 1 milione di euro, a cui si aggiunsero i 500 mila di Ilary Blasi e i 400 mila di Victoria Cabello.