Pitti, samurai postatomico di Yoshiokubo

Pitti, samurai postatomico di Yoshiokubo
di Ansa

(ANSA) - FIRENZE, 15 GIU - E' un samurai superstite di una guerra nucleare, quello che sfila sulla passerella della Stazione Leopolda nella terza giornata di Pitti Uomo 92. Indossa pantaloni morbidi e arricciati in vita, in lino o cotone, maglie e canottiere, bermuda, giacche Kimono, ampi spolverini anche in tessuti spalmati effetto rame. Il suo viso è coperto da bandane coordinate ai completi, talvolta stampati in fantasie effetto graffiti, bocca e naso coperti per non respirare l'aria radioattiva. E' il samurai post atomico che porta la firma di Yoshiokubo, designer giapponese ospite del salone fiorentino della moda maschile. A gennaio 2017, Pitti Immagine ha stretto uno speciale accordo di collaborazione con la Japan Fashion Week Organization. Una partnership con durata biennale che ha come obiettivo quello di offrire visibilità ad alcuni tra i talenti più promettenti del panorama fashion dal Giappone, attraverso il palcoscenico unico e la platea di Pitti Uomo.