'Le Iene' commosse dopo il malore di Nadia Toffa: “Ci si è gelato il sangue"

In apertura di puntata Nicola Savino, Giulio Golia e Matteo Viviani hanno raccontato le ore di tensione vissute nel fine settimana, dopo avere appreso della collega

Codice da incorporare:
di Mediaset

"Le ultime 30 ore sono state le più terribili della nostra vita e questa sarà un puntata particolare. Tutti noi ci siamo spaventati, ieri la redazione delle Iene si è bloccata, congelata, non riuscivamo a fare niente". Sono commossi Giulio Golia, Nicola Savino e Matteo Viviani mentre raccontano cosa è successo sabato alla loro collega Nadia Toffa, colta da un malore mentre si trovava nella sua camera d'albergo a Trieste. "Poco prima delle 13 di ieri ci è arrivata una telefonata da Trieste - hanno raccontato ieri sera le tre 'iene' - dove si trovava Nadia per fare un servizio. Ci hanno detto che era crollata a terra e si era sentita male, ma non avevamo idea di cosa le fosse successo, non si capiva, così abbiamo pensato a qualsiasi cosa".

"Quando è arrivata al pronto soccorso abbiamo appreso che si trattava di codice rosso e abbiamo smesso di respirare. Uno di noi si è fiondato a Trieste ma non si è saputo nulla, ci si è gelato il sangue addosso, non sapevamo più che pensare fino alle 18 di ieri pomeriggio, quando ci hanno detto che Nadia stava un po' meglio". "Abbiamo iniziato a respirare, ci siamo abbracciati e ci siamo emozionati, è stato un colpo molto forte" spiegano i tre, che in studio hanno chiesto un grande applauso per la loro collega, alla quale è stata dedicata la puntata. "Adesso Nadia è in ospedale a Milano, è fuori pericolo di vita, la stanno curando e stanno facendo accertamenti - hanno quindi concluso Viviani, Golia e Savino -. Ciao Nadia questa puntata è per te".