Iva Zanicchi: "Io costretta a cantare col cadavere di Tenco ancora caldo. Poi quella richiesta assurda per soldi"

La cantante, vincitrice del festival nel 1967, anno in cui morì in circostanze mai ben chiarite il grande Tenco, rivela dei retroscena inediti su quel triste evento

Iva Zanicchi: 'Io costretta a cantare col cadavere di Tenco ancora caldo. Poi quella richiesta assurda per soldi'
Iva Zanicchi
di Maria Elena Pistuddi   -   Twitter: Just_Mep

Ci sono verità sul festival Sanremo che è difficile persino raccontare, soprattutto in tempi in cui della kermesse nazional popolare si parla solo in termini lusinghieri. Iva Zanicchi, vecchia conoscenza dell'Ariston, ha deciso però di rompere il velo di ipocrisia che ammanta troppo spesso la realtà, e in particolare le circostanze della morte del grande Luigi Tenco, omaggiato magistralmente da Tiziano Ferro proprio in apertura dell'edizione in corso. "Mi è sembrata una bestemmia cantare al Festival con il cadavere di Tenco ancora caldo", racconta in un'intervista a "Il Giornale" quella che non a torto è considerata una delle personalità musicali e vocali più importanti della musica leggera italiana degli anni sessanta e settanta (insieme a Milva, Mina, Ornella Vanoni e Patty Pravo).

"Ecco che cosa ricordo di quella sera"

Iva Zanicchi, vincitrice del festival nel 1967, insieme all'indimenticato, Claudio Villa, narra in sostanza di esser stata costretta dagli autori a esibirsi poco tempo dopo il suicidio del cantante e amico. Ma c'è dell'altro. Cinquant'anni dopo quel tragico evento, la Zanicchi rivela che le vennero addirittura offerti dei soldi per posare sulla tomba di Tenco. Lei, che di quell'artista maledetto era anche una grande amica, a quella assurda richiesta oppose un secco "No". Era davvero troppo. Ma è anche sulle cause di quella morte improvvisa, che Zanicchi pretende di dire la sua, dicendo ancora oggi no a certa dietrologia che vorrebbe far pensare ad un omicidio. "Ricordo - racconta sempre a "Il Giornale" - quando Tenco salì sul palco, aveva qualcosa di strano, non cantava bene, fissava il vuoto e sembrava agitato. "Ha bevuto qualche whisky di troppo", dicevano". Poi l'eliminazione. "Dietro il palco ci siamo scontrati, spalla contro spalla, gli ho detto che mi dispiaceva. Lui se n'è andato di corsa, poche ore dopo era morto".

Iva Zanicchi con Claudio Villa

Quell'inopportuno "The show must go on"

Il suicidio di Tenco avvenne con un colpo di pistola, nel mezzo del Festival di Sanremo, appunto dopo essere stato eliminato insieme a Dalida con loro brano "Ciao amore, ciao". In quell'occasione, tanti cantanti in gara, tra cui tata Giacobetti del "Quartetto Cetra" chiesero di interrompere la kermesse. Il loro appello non venne ascoltato e Iva Zanicchi e Claudio Villa, con quel grande dolore nel cuore, si esibirono e vinsero con il brano "Non pensare a me". Una vittoria che resterà per sempre legata a doppio filo ad un evento triste e a quell'inopportuno diktat "The show must go on".