Callas, voce sempre divina 40 anni dopo

Callas, voce sempre divina 40 anni dopo
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 11 SET - Maria Callas è l'unico personaggio del mondo della lirica che si è trasformato in mito e a 40 anni dalla sua scomparsa, il 16 settembre 1977, i fans della sua voce non accennano a diminuire considerandola la più grande cantante del Novecento anche per le sue qualità d'interprete e attrice, forse legate a un'esistenza tormentata e passionale che ne fece anche un personaggio popolare e da rotocalco, specie negli anni del suo unico, grande, complicato amore per il mitico miliardario Aristotele Onassis e sino alla sua morte avvolta nel mistero di un ipotetico suicidio. Registrazioni ormai di culto ci restituiscono in grandissima parte ancora il timbro personalissimo e vibrante, il colore, la potenza, la notevole estensione e agilità, l'intensità drammatica della sua voce che la fecero definire 'divina' sin dagli anni dei suoi esordi e successi in Grecia negli anni '40, dove sua madre l'aveva riportata dopo la separazione dal padre, madre che le aveva fatto studiare musica e poi canto accortasi del suo talento.