Ultimo: "Con la dedica della vittoria a mio fratello non voglio suscitare compassione"

Il vincitore delle Nuove Proposte con "Il Ballo delle Incertezze" si racconta

Codice da incorporare:

"Dedico questa vittoria a mio fratello che sicuramente vincerà la sua battaglia": è stata questa la dedica della sua vittoria tra le Nuove Proposte del Festival di Sanremo, dove ha preceduto Mirkoeilcane e il suo racconto drammatico sui migranti e l'italo-congolese Mudimbi con il suo "Mago" a tutto rap. Ultimo (vero nome Niccolò Moriconi), cantautore romano di 22 anni, si è imposto con il suo "Ballo delle incertezze", brano autobiografico in cui racconta le insicurezze di chi si mette sempre in discussione, di chi non dà le cose per scontate, di chi l'autostima la vede da lontano. D'altra parte uno dei passaggi più belli del testo recita così: "Ho perso tempo per guardarmi dentro e ho sistemato qualche mia abitudine ma poi la sera arrivava ed io mi chiedevo dov’è il senso se c’è un senso a tutto questo".

Così durante la conferenza sampa all'Ariston Tiscali.it gli ha fatto alcune domande. Proprio a partire da quella dedica: "Non volevo suscitare pietismo", ha detto Ultimo con un misto di orgoglio e timidezza. Gli abbiamo chiesto anche della professione che sta scritta sulla sua carta d'identità: disoccupato. Ecco che cosa ci ha risposto. Ultimo chiarisce anche da dove arriva quel nome d'arte che si è scelto: "Non faccio nessuna rivendicazione sociale, non mi sento portavoce defgli ultimi e la mia non è certo un'operazione di solidarietà magari un po' ruffiana. Ultimo l'ho scelto perché rappresenta la mia condizione esistenziale, quella di un ragazzo pieno di insicurezze. Tutto qui".   Mi scuso della qualità del video ma si tratta di un live condiviso su Facebook mentre dovevo parlare al microfono.

Chi è Ultimo

Niccolò, questo il suo vero nome, è nato a Roma il 27 Gennaio 1996. Ha studiato pianoforte dall’età di 8 anni al conservatorio di musica S.Cecilia di Roma. Le sue prime canzoni ha iniziato a scriverle quando aveva 14 anni: il suo stile nel corso degli anni è evoluto in un connubio fra la musica cantautoriale e quella hip hop.

Nel 2016 ha vinto il contest più importante per gli emergenti della musica hip hop italiana promosso dalla Honiro. Poi a maggio 2017, con grande successo di pubblico e critica, Ultimo, ha aperto, il concerto di Fabrizio Moro al Palalottomatica di Roma, mentre a settembre si è esibito al Macro - Museo di Arte Contemporanea di Roma - nel corso dell' Honiro Label Party. Quella per Fabrizio Moro, in corsa per la vittoria tra i BIg con Ermal Meta, è una vera stima tanto che Ultimo confessa: "A chi avrei affidato la mia canzone se non l'avessi potuta cantare io? Di sicuro a Fabrizio. Mi piace come artista".