Tempo di Libri, a Milano tanti ragazzi e voglia di lettura

Codice da incorporare:
di Askanews

Milano (askanews) - Dalle donne al mondo digitale, passando per la ribellione, Milano e i libri e l'immagine. Sono questi i cinque temi che, uno per ogni giornata, sostengono Tempo di Libri, la fiera internazionale dell'editoria di Milano, che, dopo la prima edizione nel polo di Rho, ora arriva in centro città. E subito si registrano molte presenze, soprattutto tra i più giovani. Riccardo Franco Levi, presidente dell Associazione italiana editori che organizza Tempo di Libri insieme a Fiera Milano."Siamo travolti dai bambini e dai ragazzi - ha detto ad askanews - c'è un vocio di sottofondo che parla al cuore, apre alla speranza, perché si diventa lettori da piccoli e da piccoli diventando lettori si diventa cittadini migliori e tutto diventa più bello. Tutte le sale degli incontri sono strapiene, in mezzo ai libri ci sono adulti, ragazzi, bambini, è una vera festa che apre il cuore alla gioia oggi".Tra incontri con autori e riflessioni sul digitale, reading e laboratori, Tempo di Libri cerca di parlare a un pubblico vasto, come possono essere Nancy e Giulia, studentesse delle superiori: "A me piace molto leggere i romanzi - ci ha detto Nancy - in particolare quelli rosa, perché mi piace immergermi in altre storie e in altri mondi e provo proprio delle emozioni quando leggo, mi piace"."Mi piace leggere - le ha fatto eco Giulia - perché rivedi una parte di te un po' nascosta".Gli argomenti trattati sono i più vari, non solo cultura e letteratura, ma anche politica, società ed economia. E tra gli espositori c'è anche la Fondazione Pirelli, rappresentata dal vicepresidente esecutivo e amministratore delegato di Pirelli, Marco Tronchetti Provera."Credo che il messaggio che dà anche questa fiera del libro è di quanto Milano sia una città che continua a costruire il domani, perché conscia del suo ieri. Questa è la sua forza e la forza di tutta la gente che ha voglia davvero di fare, di costruire, e di guardare a tutte le opportunità che ci sono".E il presidente Levi, evidentemente soddisfatto, cita anche lo slogan che ha accompagnato l'avvicinamento alla fiera. Avevamo detto: è in arrivo un Tempo bellissimo, e il tempo è arrivato, siamo fortunati.