Premio Strega, Petrocchi: "Per noi è un nuovo inizio"

Premio Strega, Petrocchi: 'Per noi è un nuovo inizio'
di Adnkronos

Roma, 6 lug. (AdnKronos) - Folla delle grandi occasioni per la 71esima edizione dello Strega che quest'anno è ritornato al Ninfeo di Villa Giulia la casa del premio. La serata finale, che è in corso, tira le somme di un'edizione con diverse novità, a cominciare dal numero dei votanti saliti a 660. Per la prima volta, infatti, voteranno 200 studiosi e intellettuali italiani e stranieri scelti dagli Istituti Italiani di Cultura all'estero che si aggiungeranno ai tradizionali 400 Amici della Domenica, ai 40 lettori forti selezionati dalle librerie indipendenti italiane associate all’Ali, e ai 20 voti collettivi espressi da scuole, università e biblioteche. "Siamo nella cornice incomparabile di villa Giulia e per noi questo è un nuovo inizio dopo la finale dell'anno scorso, la settantesima, che abbiamo voluto festeggiare in modo diverso all'Auditorium con una serata speciale", ha detto all'Adnkronos Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Bellonci. "La giuria è cresciuta, abbiamo voluto arricchire lo sguardo sui libri con un punto di vista esterno e crediamo che questo sia un miglioramento. Ora si aggiungono i 200 votanti all'estero. Insomma, chi vince il premio Strega deve convincere un numero alto di lettori con gusti diversi tra loro", ha concluso Petrocchi. A sostenere tutto il premio Strega è Bper Banca. "Nella nostra tradizione - ha sottolineato Alessandro Vandelli, amministratore delegato di Bper Banca- c'è un impegno a favore della cultura e in particolare della pagina scritta. A Modena, nella nostra città, abbiamo un forum dove riusciamo ad avere più di mille persone che vengono ad ascoltare scrittori che presentano i propri libri. Quindi c'è un legame molto forte con questa espressione del pensiero", ha concluso Vandelli