"10 righe dai libri": il social network collega autori, editori e lettori

'10 righe dai libri': il social network collega autori, editori e lettori
di Cristiano Sanna

Un salto in libreria, a sfogliare incuriositi incipit, leggere sinossi nei risvolti di copertina, trovare i titoli attesi e lasciarsi sorprendere da quelli inattesi. Ora tutto questo avviene anche sul Web, con un sito dedicato che si propone come una sorta di social network che unisce gli interessi di lettori, autori, case editrici e talenti in erba. Ufficialmente online dal 10 ottobre dopo un periodo di sperimentazione "beta" risalente a marzo, 10 righe dai libri  ha calamitato l'attenzione di migliaia di visitatori e quella di editori come Salani, Elliot, Castelvecchi, Fazi, Bompiani, Il Maestrale, Vallecchi, Il Saggiatore, Sperling & Kupfer, Fandango, Garzanti e molti altri. Abbiamo parlato con una degli ideatori dell'iniziativa, Patrizia Puggioni.

Patrizia come è nata questa iniziativa e perché?
"Tutto è cominciato su Facebook quasi per gioco. Dopo aver a lungo lavorato nell'editoria, per divertirmi un po' e stuzzicare la creatività ho aperto un gruppo su social network. Grazie all'aiuto dello sviluppatore di un team appassionato 10 righe dai libri a marzo è diventato sito web e il tam tam a suon di libri è esploso in Rete. Ad oggi migliaia di visite al giorno e su 50.000 righe dai libri raccolte e presentate online".

Nessuna resistenza da parte degli editori per questioni di copyright?
"Resistenza? No, anzi, le richieste degli editori aumentano: sono contenti di aver trovato un nuovo modo di promuovere i libri in un luogo in cui i lettori si incontrano e condividono le proprie 10 righe. In questo modo possono monitorare le tendenze del momento. Per il copyright, attualmente, non ci problemi perché sono loro stessi a inviarci i primi capitoli dei libri (che solitamente scegliamo noi). Per la pubblicità, anche se stiamo ricevendo numerose proposte, abbiamo deciso di rimanere indipendenti rispetto a editori, gruppi editoriali e librerie. Nel sito non appaiono infatti i prezzi dei libri e nessun riferimento all'acquisto. L'indipendenza, la professionalità, la passione e la gratuità del servizio saranno la base per garantire anche la qualità".

Ci sarà una sezione del sito-community aperta ai contenuti multimediali e dunque agli e-book?
"Abbiamo previsto la sezione multimediale ma per gli e-book ci stiamo riflettendo".

In cosa consiste la sezione giochi annunciata nel sito?
"Insieme a premi letterari e concorsi anche nelle scuole sarà uno tra gli strumenti che utilizzeremo per divulgare la lettura. Stiamo già regalando un libro incentivo al giorno per 10 giorni (i libri sono offerti dagli editori che hanno aderito all'iniziativa). Così i lettori scrivono, leggono e si divertono".

Ci sarà uno spazio aperto agli esordienti, in modo da farvi diventare un ideale punto di contatto con editor e talent scout ?
"Certamente. Gli esordienti sono importanti. Lo scouting, poi, è fondamentale: lavorare su un'idea e trasformarla, insieme all'autore, in un fantastico processo condiviso e vogliamo fare in modo da incoraggiarlo ulteriormente".