Tutto Visconti a New York

redazione

Tutto Visconti a New York
di Cinematografo

A 20 anni amavo già il cinema italiano, ma davanti al Gattopardo restai di stucco. Non ero pronto per un film del genere, dove ogni fotogramma catturava l’anima dei personaggi”. Basterebbero queste parole di Martin Scorsese per capire quanto Luchino Visconti abbia influenzato generazioni di registi e lasciato una traccia indelebile all’interno del cinema mondiale. Un cinema di cui si dovrebbe rimarcare ancora e sempre l’innovazione – oltre alla ben nota potenza visiva, l’esplosiva cura scenica, il lavoro sugli attori – capace di fondare il Neorealismo cinematografico, di ‘tradirlo’ rinnovandolo, di far convivere uno stile sontuoso con la profondità dell’indagine umana. Un cinema che a una rapinosa nostalgia unisce un senso del contemporaneo che il tempo non intacca.

Luce Cinecittà, dopo “Open Roads” dedicato al cinema contemporaneo, celebra questo irripetibile classico/contemporaneo insieme alla Film Society del Lincoln Center di New York, presentando la sua retrospettiva completa, che fa seguito al grande successo delle rassegne congiunte dedicate a Marcello Mastroianni nel 2017 e Anna Magnani nel 2016.

Cinematografo.