Suburbicon, 'mostri' della porta accanto

Suburbicon, 'mostri' della porta accanto
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 03 DIC - Un sobborgo californiano a fine anni '50, nel quale si intrecciano l'implosione di una famiglia apparentemente serena tra delitti, amori segreti e sogni di una nuova vita con la violenta reazione del vicinato bianco, all'arrivo nel quartiere di una famiglia di colore, è il vaso di Pandora di Suburbicon, noir/black comedy di George Clooney, che dopo il debutto alla Mostra del Cinema di Venezia, arriva in sala il 6 dicembre con 01. Insieme a un cast che comprende Matt Damon, Julianne Moore (in un doppio ruolo) e Oscar Isaac, l'attore - regista porta sullo schermo, arricchendola con tematiche sempre più attuali nell'America di Trump, una sceneggiatura scritta dai fratelli Coen nel 1999. Il progetto sembrava un possibile contendente forte agli Oscar ma si è scontrato con l'accoglienza in gran parte dubbiosa o negativa della critica Usa e un'uscita in patria nel pieno dello scandalo Weinstein, che ha polarizzato l'attenzione dei giornalisti nelle interviste, visti i legami di Clooney e Damon con il produttore.