Sylvester Stallone indagato per molestie sessuali: abuso sarebbe avvenuto negli anni ‘90

Segue il caso l’ufficio del procuratore distrettuale di Los Angeles. L'attore nega ogni addebito

Sylvester Stallone indagato per molestie sessuali: abuso sarebbe avvenuto negli anni ‘90
TiscaliNews

Rocky Balboa stretto nel ring da una potenziale accusa di reati sessuali. L'ufficio del procuratore distrettuale di Los Angeles sta infatti indagando su Sylvester Stallone per un caso sottoposto alla sua attenzione dal dipartimento di polizia di Santa Monica. Lo riferiscono diversi media Usa e il caso riguarda una denuncia che risale al 2017. Il presunto reato sarebbe avvenuto invece negli anni '90. Al momento gli inquirenti non hanno fornito dettagli sulla natura delle accuse, tuttavia l'attore, 71 anni, nega fermamente. Si prepara invece a tornare sul grande schermo Kevin Spacey: Billionaire Boys Club, un film che vede nel cast l'attore travolto dalle accuse di molestie sessuali, uscirà nelle sale Usa il 19 luglio.

Stallone non perseguibile

Secondo la legge della California, Stallone non sarebbe neanche perseguibile perché il presunto reato sarebbe avvenuto oltre dieci anni fa e quindi soggetto a prescrizione. Tuttavia nel 2016, dopo le accuse di molestie sessuali contro Bill Cosby, il governatore Gerry Brown ha approvato una legge che esclude dalla prescrizione alcuni reati di tipo sessuale come lo stupro o gli abusi sessuali su minori. Secondo Martin Singer, legale di Stallone, l'attore ha avuto una relazione consensuale con la donna la quale avrebbe poi presentato denuncia per finire sulle pagine dei giornali.

Un precedente

Non è la prima volta che Stallone finisce sotto i riflettori per un presunto caso di molestie sessuali. Nel 2017, il Daily Mail rispolverò un caso dopo aver ottenuto un rapporto della polizia di Las Vegas in cui si parlava di una sedicenne che denunciava di essere stata molestata sessualmente mentre Stallone stava girando il celebre film 'Over the Top'. Era il luglio del 1986. All'epoca aveva 40 anni ed era all'apice del successo. Secondo il resoconto della polizia la giovane inizialmente aveva approcciato l'attore sul per ottenere un autografo. Dopo un primo rapporto sessuale consensuale, la donna sarebbe stata costretta ad avere un rapporto sessuale sia con Stallone che con la sua guardia del corpo. Il Daily Mail scrisse anche che dopo l'episodio la ragazza fu costretta al silenzio a causa delle minacce ricevute dai due perche' entrambi sposati.

Alla fine decise di non andare avanti con le accuse perché troppo umiliante. Di recente 'Sly' è finito anche nelle grazie di Trump. E' stato infatti protagonista di un siparietto hollywoodiano durante lo storico vertice a Singapore tra il presidente americano e il leader nord-coreano Kim Jong-un. L'attore non era presente in persona, bensì appariva in un video girato nello Studio Ovale. Il filmato era stato girato durante la sua visita a Washington lo scorso maggio in occasione della grazia postuma concessa da Trump al boxer Jack Johnson. Stallone è stato tra i sostenitori della richiesta di grazia.

Intanto Spacey, che era stato 'cancellato' da Tutti i soldi del mondo di Ridley Scott ed estromesso dall'ultima stagione di House of Cards, appare nel trailer del film Billionaire Boys Club appena uscito sul web, che a arriverà in sala a luglio due anni e mezzo dopo la fine delle riprese. E' basato sulla storia vera di una truffa a Los Angeles negli anni Ottanta. Nel cast anche Emma Roberts, Suki Waterhouse, Billie Lourd (la figlia di Carrie Fisher), e, nella parte di Andy Warhol, Cary Elwes.