A Venezia la favola nera di Pedicini

A Venezia la favola nera di Pedicini
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 10 AGO - Una storia vera, ''sconosciuta ai più, il tentativo di sterminio scientifico, avvenuto in Svizzera, di una comunità nomade, gli Jenisch'', spiega all'ANSA la regista Valentina Pedicini, ha ispirato la sua opera prima, 'Dove cadono le ombre', con Elena Cotta e Federica Rosellini, che debutterà in concorso alle Giornate degli Autori sezione autonoma e indipendente della Mostra del Cinema di Venezia per essere poi distribuita in sala da Fandango, che è anche produttore con Rai Cinema. Dove cadono le ombre ''è anche un film d'attualità. Racconta come bisogna stare all'erta, perché quello che è successo in Svizzera sta accadendo in qualche modo anche in Italia, se pensiamo all'atteggiamento verso la diversità e alla non accettazione dell'altro. Non ci sono connotazioni di luogo, tempo o spazio eppure il tema del film è legato all'oggi. Per me da italiana era importantissimo occuparmi in modo non convenzionale di questo argomento''.